Benvenuti nel sito della Chiesa Cattolica di Torino

Centro
Federico Peirone

Seguici su
Facebooktwitterrssyoutubeinstagram
18 Marzo 2015

TUNISIA – ( 18 Marzo 2015 )

Facebooktwitterpinterestlinkedinmail
Terrore a Tunisi

2.400 tunisini partiti per il Jihad, 3mila gli aspiranti
 
 
 
 
 

 
 

​Dalla Tunisia è partito il maggior numero dei 15mila miliziani stranieri entrati a far parte dello Stato islamico (Is) in Iraq e in Siria. Sarebbero infatti almeno 2.400 i tunisini andati in Iraq e in Siria per entrare a far parte del gruppo jihadista, mentre migliaia sono stati fermati dalle autorità.

L’80 per cento dei combattenti tunisini ha aderito al gruppo guidato da Abu Bakr al-Baghdadi. Di questi, circa 450 sarebbero stati uccisi e una sessantina si ritiene che siano nelle carceri del regime di Bashar al-Assad in Siria.

Inoltre novemila tunisini sarebbero stati fermati dalle autorità di Tunisi nell’intento di andare a combattere in Siria. Di questi, secondo il ministro degli Interni Lofti Ben Jeddou, tra i 400 e i 500 sono rientrati in patria. Si tratta soprattutto di diplomati e disoccupati, in un Paese, la Tunisia, che è tra quelli arabi maggiormente istruiti con una popolazione di 11 milioni di persone, dove la disoccupazione resta alta.

Ma le nuove libertà ed elezioni, lamentano i giovani, hanno di poco migliorato la vita quotidiana. Molti si sentono poco liberi di esprimere il dissenso e si ritrovano scettici, tanto da cercare nell’ideologia retorica ed estremista dello Stato islamico una alternativa. Sebbene solo una minoranza dei tunisini abbia espresso pubblicamente il suo sostegno all’Is, tutti coloro che hanno meno di trent’anni conoscono qualcuno che è partito per la Siria o l’Iraq per unirsi al gruppo, o qualcuno che è morto combattendo. Aderire all’Is è infatti vista come un’opzione per elevare il proprio standard di vita o eliminare i confini arbitrari che per un secolo hanno diviso il mondo arabo.

In un Paese dove il 99 per cento della popolazione è musulmana, il governo ha messo al bando più di 150 organizzazioni civili musulmane, chiuso moschee e arrestato almeno duemila giovani con accuse legate al terrorismo. Attivisti per i diritti umani denunciano arresti arbitrari e torture sui detenuti alla pari di quelle perpetrate sotto il regime Ben Ali rimasto in carica dal 1987 e fino al gennaio 2011 quando è stato deposto dalla Rivoluzione dei Gelsomini.

La Tunisia ha una lunga storia di uomini inviati a combattere il jihad nella Striscia di Gaza, in Afghanistan, in Cecenia e in Iraq, ma, avvertono gli analisti, i numeri non sono mai stati pari a quelli odierni verso l’Is.

© riproduzione riservata

 

Il testo originale e completo si trova su:

http://www.avvenire.it/Mondo/Pagine/dalla-tunisia-il-maggior-numero-di-jihadisti.aspx