Benvenuti nel sito della Chiesa Cattolica di Torino

Centro
Federico Peirone

Seguici su
Facebooktwitterrssyoutubeinstagram
23 Settembre 2014

USA/IRAN – ( 23 Settembre )

Facebooktwitterpinterestlinkedinmail
Offensiva globale
 
Obama: «Il mondo con noi contro l’Isis»
 
​Il lancio di un missile Tomahawk contro postazioni jihadiste (Ap)

“La forza di questa coalizione rende chiaro al mondo che questa non è una lotta solo degli Stati Uniti, ma appartiene anche a tutti quei governi e Paesi che nel Medio Oriente che rifiutano lo Stato islamico e che lottano per la pace e per la sicurezza che tutti meritano nel mondo”. Lo ha detto il presidente americano Barack Obama dopo i raid in Siria.​

Tenendo un breve discorso subito prima di partire per New York, per il Consiglio di Sicurezza dell’Onu, Obama ha ribadito: “Andremo avanti con i nostri piani sostenuti all’unanimità al Congresso”, “vogliamo difendere il nostro Paese” dalla “ideologia perversa” dell’Isis. “Stanotte, dopo il mio ordine, le forze americane hanno cominciato a colpire obiettivi dello Stato islamico in Siria”, ha sottolineato il presidente Usa, “ho detto che avremmo preso provvedimenti contro l’Isis, in modo che nessun Paese possa essere un porto sicuro per i terroristi”.

Aerei da combattimento, bombardieri e missili Tomahawk lanciati dalle navi hanno colpito nel corso della notte obiettivi nella Siria. Le “nazioni partner” che partecipano “in pieno” all’operazione sono l’Arabia Saudita, gli Emirati Arabi Uniti, la Giordania e il Baherein. Il Dipartimento di Stato ha precisato che non è stato in alcun modo informato il governo di Damasco.

Secondo quanto riferisce il Washington Post, gli Usa avevano individuato almeno 20 obiettivi da colpire nella prima ondata di bombardamenti in Siria, che fa seguito ad una campagna avviata già lo scorso 8 agosto contro obiettivi dell’Isis in Iraq. Da allora, a ritmo quotidiano, i caccia americani hanno preso di mira e distrutto almeno 190 obiettivi.

Negli attacchi sono morti almeno 120 miliziani dello Stato islamico sono morti. Lo riferisce l’Osservatorio siriano dei diritti umani. Sarebbero rimasti uccisi anche 8 civili, tra cui 2 bambini.

La campagna aerea ha un carattere di difesa, per proteggere il personale diplomatico e militare americano nel Nord dell’Iraq e per sostenere le forze irachene impegnate a contrastare l’avanzata dell’Isis nella regione della strategica diga di Mosul e verso la città di Erbil, capitale del Kurdistan iracheno. Questa volta gli obiettivi presi di mira sarebbero nel cuore dello Stato islamico, a Raqqa, la città nel nord della Siria dove il califfo Abu Bakr al Baghdadi ha posto la sua capitale. In particolare si parla di centri di comando e controllo e di campi di addestramento e di depositi di armi e munizioni. Gli abitanti della città, via Twitter riferiscono di numerose esplosioni e di continui sorvoli di aerei da guerra.

Con l’inizio dei bombardamenti in Siria massima allerta negli Stati Uniti sul fronte dell’antiterrorismo, anche se al momento non si registrano minacce specifiche di attacchi contro obiettivi americani. Lo affermano fonti di intelligence citate dalla Cnn, ammettendo che la nuova offensiva contro l’Isis aumenta i rischi per la sicurezza nazionale.

© riproduzione riservata

 

Il testo completo si trova su:

http://www.avvenire.it/Mondo/Pagine/offensiva-in-Siria.aspx