Benvenuti nel sito della Chiesa Cattolica di Torino

Centro
Federico Peirone

Seguici su
Facebooktwitterrssyoutubeinstagram
28 Marzo 2014

ARABIA SAUDITA/USA – ( 28 Marzo )

Facebooktwitterpinterestlinkedinmail
ARABIA SAUDITA-USA

Riyadh, designato l’erede al trono di re Abdallah

E’ il fratellastro Muqrin, esperto in scienze militari, già capo dell’intelligence. Il decreto avviene a poche ore dalla visita di Obama. Parlamentari Usa domandano al loro presidente di esigere il rispetto per i diritti umani: libertà religiosa, dignità delle donne, cancellazione delle leggi ‘anti-terrorismo’ che vietano ogni dissenso.

Riyadh (AsiaNews/Agenzie) – Il 90enne re Abdallah ha nominato il suo più probabile successore al trono saudita: è il suo fratellastro Muqrin (v. foto).

Secondo le regole, la successione sarebbe dovuta andare al fratello di Abdallah, il principe Salman, 79 anni, ma le voci al palazzo affermano che egli è molto malato.

Il decreto reale fissa che d’ora in poi Muqrin, che fino al 2012 è stato capo dell’intelligence, venga designato come principe ereditario, che salirebbe al trono in caso di morte di Abdallah e di Salman (che si pensa rinuncerà al trono,  date le sue condizioni fisiche).

La decisione ha scatenato la gelosia di altri pretendenti, fra cui il figlio, di Abdallah Mitab, e il figlio di Salman, Mohammed. Per frenare ogni lotta intestina, Il primo è stato nominato vicepremier; il secondo ministro della Difesa.

Nato il 15 settembre del 1945, Muqrin si è laureato in aeronautica alla Raf in Gran Bretagna ed ha un diploma in scienze militari.

Il decreto, con la decisione di Abdallah è stato emesso a poche ore dalla visita del presidente Usa Barack Obama in Arabia saudita, che comincia oggi. I rapporti fra Usa e Arabia saudita – da sempre di profonda alleanza – si sono incrinati negli ultimi tempi per le aperture degli Stati Uniti verso l’Iran e per le indecisioni americane nell’appoggio ai ribelli fondamentalisti che combattono contro la Siria.

Almeno 65 parlamentari Usa hanno domandato ad Obama di compiere gesti significativi per denunciare le violazioni dei diritti umani del regno saudita, fra cui l’oppressione delle minoranze, la libertà religiosa, i diritti delle donne.

I firmatari della richiesta esigono che il governo saudita “fermi l’uso della tortura e riformi le nuove cosiddette ‘leggi antiterrorismo’ che in pratica criminalizzano ongi forma di dissenso pacifico”.

 

Il testo completo si trova su:


lwww.asianews.it/notizie-it/Riyadh,-designato-l’erede-al-trono-di-re-Abdallah-30680.html