Benvenuti nel sito della Chiesa Cattolica di Torino

Centro
Federico Peirone

Seguici su
Facebooktwitterrssyoutubeinstagram
7 Gennaio 2014

BANGLADESH – ( 7 Gennaio )

Facebooktwitterpinterestlinkedinmail

Bangladesh: dopo le elezioni cristiani e indù vivono nella paura


Le minoranze religiose del Bangladesh hanno vissuto con paura le elezioni generali del 5 gennaio scorso, che hanno visto vincere con ampio margine il Partito dell’Awami League già al governo. Il risultato era scontato, dato che le opposizioni e il Bangladesh National Party avevano annunciato di voler boicottare le urne. Al voto ha partecipato circa il 20 % della popolazione, contro il 70 % delle parlamentari del 2008. Negli ultimi tre giorni, almeno 25 persone sono morte durante gli scontri fra sostenitori di diverse posizioni. Le minoranze, soprattutto cristiani e indù, sono state costrette a non esercitare il proprio diritto di voto a causa delle minacce degli integralisti. Samor Gomas, cattolico del distretto di Natore, spiega: “Non ci hanno permesso di fare nulla, ci hanno minacciato di morte in caso di voto”. La polizia è rimasta a guardare: un indù di Jessore dice di aver chiamato degli agenti per garantire la loro sicurezza, ma “nessuno è venuto a darci una mano”. A Sindurmoti, dove vive una comunità composta da 4mila persone di cui il 90 % di fede induista, non ha votato nessuno. I leader politici non sembrano in grado di trovare a breve termine una soluzione alla situazione. Il premier Sheikh Hasina ha dichiarato che “le elezioni sono state corrette e noi abbiamo vinto. Se il Bnp sceglie il dialogo potremo discutere, ma prima devono finire le violenze”. Da parte sua, l’opposizione sceglie la linea dura: “Continuiamo a tutti i costi il movimento contro il governo – dice il vice presidente del Bnp Rahman – unendo il popolo e discutendo, rafforzando la base del Partito e entrando in azione”. (R.P.)

Testo proveniente dalla pagina

 
http://it.radiovaticana.va/news/2014/01/07/bangladesh:_dopo_le_elezioni_cristiani_e_ind%C3%B9_vivono_nella_paura/it1-761748

del sito Radio Vaticana