Benvenuti nel sito della Chiesa Cattolica di Torino

Centro
Federico Peirone

Seguici su
Facebooktwitterrssyoutubeinstagram
29 Gennaio 2013

EGITTO – ( 29 Gennaio )

Facebooktwitterpinterestlinkedinmail

EGITTO: P. GREICHE (VESCOVI CATTOLICI), “RIVOLUZIONE HA RIPRESO VIGORE”

 

“L’Egitto è un Paese profondamente diviso” e le proteste represse duramente da esercito e polizia, sono “contro il presidente Morsi e il suo regime islamista. Si manifesta contro la religione nella sua forma fondamentalista e contro la mancanza di libertà. La rivoluzione non è morta, si era fermata, ma ora ha ripreso vigore”. È quanto afferma il portavoce dei vescovi copto-cattolici egiziani, padre Rafiq Greiche, che commenta al Sir (clicca qui) le violente manifestazioni di questi giorni nel Paese, a 2 anni dalla rivoluzione che defenestrò il presidente Mubarak. Per riportare la calma non sono bastati gli inviti al dialogo del presidente Morsi all’opposizione, rispediti al mittente dal suo leader, El Baradei. Un rifiuto motivato poiché, spiega il portavoce, “si tratta di un dialogo privo di agenda, fatto a uso delle telecamere. Non è stato fatto nulla per riportare la calma, necessaria a impostare un dialogo fruttuoso”. Sullo sfondo resta l’insoddisfazione per l’approvazione di una Costituzione che non garantisce i non musulmani e i liberali. “Il dialogo non può prescindere dal ridiscutere una nuova Carta”, afferma padre Greiche, per il quale “i giovani che manifestano sono più avanti nella lotta politica dell’opposizione. I giovani rappresentano ancora la grande chance per l’Egitto”. (segue)

14:47EGITTO: P. GREICHE (VESCOVI CATTOLICI), “RIVOLUZIONE HA RIPRESO VIGORE” (2)

 

Ma, intanto, il Paese ha necessità di uscire subito da questa grave crisi politica: la strada da seguire, per padre Greiche, chiede che “il presidente Morsi si stacchi dai Fratelli Musulmani, diventando di fatto, il presidente di tutto il popolo” e che “la presidenza, intesa come istituzione, si liberi dall’influenza dei partiti; altri punti sono riportare la calma nella popolazione, creare una nuova Commissione per rivedere la Costituzione e aprire il Governo ad altre istanze politiche, che non siano solo quelle islamiste, così da condurre il Paese fuori dal guado di una crisi che mina anche la ripresa economica. Le Chiese in Egitto sono pronte a fare la loro parte favorendo contatti e relazioni avendo come obiettivo il dialogo e la pace. Ma perché ciò avvenga è necessario che la comunità internazionale faccia pressioni politiche e diplomatiche sul governo Morsi a difesa dei diritti umani delle minoranze e della popolazione intera”.