Benvenuti nel sito della Chiesa Cattolica di Torino

Centro
Federico Peirone

Seguici su
Facebooktwitterrssyoutubeinstagram
7 Dicembre 2012

EGITTO – ( 7 Dicembre )

Facebooktwitterpinterestlinkedinmail

Egitto: il presidente Morsi parla alla Nazione e invita l’opposizione al dialogo. Oggi nuove manifestazioni



L’Egitto dunque in primo piano dopo la convulsa giornata di ieri che ha visto il presidente Morsi spiegare in tv le ragioni del contestato decreto. Ha poi aperto alle opposizioni che però hanno rifiutato l’invito per un incontro previsto inizialmente per domani. Assaltata e data alle fiamme la sede dei Fratelli Musulmani al Cairo. Nella notte telefonata di Obama. Il servizio di Marina Calculli:RealAudioMP3

Dopo un’estenuante attesa, ieri sera alle 10.30 è finalmente arrivato il discorso alla nazione che Mursi aveva annunciato nel pomeriggio per dirimere la tensione tra i due fronti, quello degli islamisti e dei liberali, che si stavano affrontando dalla notte precedente di fronte al palazzo presidenziale. Il raìs ha invitato i leader dell’opposizione a incontrarlo sabato, ha detto di non voler insistere nel mantenere l’articolo 6 della dichiarazione costituzionale con cui si era attribuito il monopolio assoluto sul potere legislativo, ma ha confermato che il referendum sulla costituzione ci sarà il 15 dicembre. L’invito è stato però rifiutato dall’opposizione, che infatti promette di continuare la protesta. E pensare che persino al-Ahzar, la principale istanza religiosa dell’Egitto, l’università di tutti i fratelli musulmani, gli aveva chiesto esplicitamente di ritirare la dichiarazione e la bozza costituzionale. Neppure le dimissioni dei suoi 17 consiglieri, del presidente della tv di stato e del segretario generale della commissione sul referendum gli hanno fatto cambiare idea. Intanto i tank dell’esercito proteggono il palazzo del raìs. In molti però temono che proprio i militari, approfittando di questa colossale impasse politica, possano azzardare un rovesciamento della situazione.
“Tutti i leader politici devono chiarire ai loro sostenitori che la violenza è inaccettabile”, così Barack Obama parlando nella notte al telefono con Mohammed Morsi. Il presidente degli Stati Uniti considera positiva la proposta di dialogo con le opposizioni. Ma qual è l’atteggiamento che emerge dal discorso di Morsi? Davide Maggiore lo ha chiesto a Marcella Emiliani, esperta di Medio Oriente: RealAudioMP3

 
Il testo completo si trova su:
 
http://it.radiovaticana.va/news/2012/12/07/egitto:_il_presidente_morsi_parla_alla_nazione_e_invita_l’opposizione_/it1-645383