Benvenuti nel sito della Chiesa Cattolica di Torino

Centro
Federico Peirone

Seguici su
Facebooktwitterrssyoutubeinstagram
23 Settembre 2014

EUROPA/ISLAM – ( 23 Settembre )

Facebooktwitterpinterestlinkedinmail
Campagna web
 
#NotInMyName: i giovani musulmani contro l’Isis 
 
(A.Gugl.)
 
23 settembre 2014
 
 
 
 
 
 
 

I giovani musulmani, dall’Europa, dicono no all’Isis, e alle pratiche terroristiche messe in atto dai combattenti dello Stato islamico. Lo fanno sul web e il “codice” è quello che la rete sa meglio recepire e amplificare: una foto e un messaggio chiaro, da rilanciare sui social: ashtagh #NotInMyName, “non nel mio nome”. Una presa di distanza chiara contro il modo di agire del Califfato, che ha preso le mosse in Gran Bretagna grazie alla Active Change Foundation e che si unisce alle manifestazioni nate in diverse parti del mondo: dalla preghiera nelle moschee in Germania, alle fiaccolate per la pace (l’ultima due giorni fa a Milano).

ACFNotinmy_43374680.jpg

Gli islamici moderati ci mettono la faccia, per ricordare che l’Isis non è l’Islam e che loro non si sentono rappresentati dallo Stato islamico dell’Iraq e del Levante. Ecco perché gli attivisti della protesta hanno scelto di utilizzare le stesse piattaforme usate dal Califfato per terrorizzare il mondo, come Twitter e YouTube.

notinmynam_43374740.jpg

Internet, ancora una volta, si rivela uno strumento prezioso per dar voce e trasformare in compagine un universo ampio. Una campagna simile è stata quella per riporate a casa le oltre 200 studentesse nigeriane rapite da Boko Haram: nei mesi scorsi “Bring Back Our Girls” è diventato uno slogan di portata mondiale.

 

Guarda il video