Benvenuti nel sito della Chiesa Cattolica di Torino

Centro
Federico Peirone

Seguici su
Facebooktwitterrssyoutubeinstagram
5 Dicembre 2012

NATO/SIRIA – ( 5 Dicembre )

Facebooktwitterpinterestlinkedinmail

Sì della Nato ai missili in Turchia contro la Siria



Crisi Siriana. La Nato approva il dispiegamento di missili lungo il confine con la Turchia a scopo difensivo. La Comunità internazionale contro l’uso di armi chimiche da parte di Assad che continua a negare l’intenzione di usarle. Sul terreno ancora una giornata di sangue: oltre 120 le vittime, bombardata anche una scuola in un campo profughi a nord est di Damasco, 28 i bambini uccisi. Massimiliano Menichetti:RealAudioMP3

I missili Patriot saranno dispiegati in Turchia, lungo il confine con la Siria, ho hanno deciso ieri, a Bruxelles, i ministri degli Esteri della Nato che hanno accolto la richiesta difensiva di Ankara. Ipotizzate dieci batterie di razzi, saranno fornite da Stati Uniti, Olanda e Germania e non verranno utilizzate per la creazione di una no-fly zone, ma solo in caso di aggressione da parte di Damasco. La tensione, a livello internazionale, è salita dopo segnalazioni, di spostamenti in Siria di componentistica tossica e nonostante Assad abbia negato la volontà di utilizzare tali arsenali e non vi siano conferme ufficiali del riarmamento chimico della Siria. Il Segretario generale della Nato, Anders Fogh Rasmussen, dopo gli Usa, ha condannato senza mezzi termini l’eventuale uso di teli munizioni e ha parlato di risposta “immediata della comunità internazionale”, nel caso di attacchi non convenzionali. Preoccupazione di Israele, monito anche da parte della Russia, che non approva, però, il dispiegamento di missili difensivi contro Assad. Intanto sul terreno scorre ancora sangue: 123 le vittime in sconti tra lealisti e rivoltosi in varie parti del Paese. Morti anche 28 bambini ed un insegnate nel campo profughi di Wafideen, a nord est di Damasco, per il lancio di un razzo da parte degli oppositori.

La Siria, comunque, continua a negare la volontà di utilizzare armi di distruzione di massa contro il suo popolo. Ne abbiamo parlato con il direttore di Rivista Italiana Difesa, Pietro Batacchi:RealAudioMP3

R. – Che La Siria abbia armi chimiche è fuor di dubbio. E’ una cosa assolutamente acclarata. Il programma nasce a fine anni ’70 inizio anni ’80 quando il padre dell’attuale presidente Bashar al Assad, ovvero Hafiz al-Asad, individuò negli agenti chimici uno strumento alla portata del regime, una risposta “low cost” al nucleare israeliano. Non a caso, alcuni anni fa, la Siria si era “imbarcata” anche in un programma nucleare, culminato poi nel settembre 2007 con il raid israeliano contro il presunto reattore di al-Kibar.

D. – Ad oggi viene detto che queste armi vengono spostate sul territorio. Sono ancora efficaci ed è un programma che è continuato nel tempo?

R. – Non è chiaro l’effettivo stato del programma chimico siriano. Alcuni componenti di questi ordigni potrebbero, dopo anni, essere decaduti e non è sicuro che il programma oggi abbia un’efficienza pari a quella di dieci o quindici anni fa.

D. – Cosa tiene in piedi il regime siriano?

R. – Il regime di Assad vede la propria sopravvivenza in una dinamica esterna. Finché la Russia darà supporto, ho la sensazione che questo regime durerà anche perché qui è in gioco la stabilità dell’area. La Siria è un Paese molto più complesso della Libia. In Libia, nel 2011, la comunità internazionale, la Nato, l’Onu, sono intervenuti anche perché la Russia lo ha permesso. Ed oggi intervenire in Siria significa sollecitare anche Iran, Israele, Turchia… significa toccare il cuore stesso del Medio Oriente. Per cui anche la comunità internazionale ha una certa ritrosia ad entrare attivamente in un conflitto i cui esiti sono comunque di difficile calcolo e previsione.

 
Il testo completo si trova su:

http://it.radiovaticana.va/news/2012/12/05/sì_della_nato_ai_missili_in_turchia_contro_la_siria/it1-644756