Benvenuti nel sito della Chiesa Cattolica di Torino

Centro
Federico Peirone

Seguici su
Facebooktwitterrssyoutubeinstagram
2 Aprile 2013

SIRIA – ( 2 Aprile )

Facebooktwitterpinterestlinkedinmail

Siria: marzo il mese più sanguinoso dall’inizio della guerra civile



Marzo è stato il mese piu’ sanguinoso in due anni di conflitto in Siria, con piu’ di 6 mila morti. Questa la cifra fornita dall’Osservatorio siriano per i diritti umani, che fa capo all’opposizione: più di 2 mila i civili rimasti sul terreno. I morti tra i lealisti sono stati quasi 1500. Sentiamo Marina Calculli: RealAudioMP3

La guerra civile siriana ha fatto registrare un bilancio di oltre 6000 morti solo nel mese di marzo, secondo l’Osservatorio siriano per i diritti umani. E’ stato il mese più sanguinoso dall’inizio delle proteste contro Bashar al-Asad. Tra le vittime circa la metà è composta da soldati governativi e ribelli – coloro che stanno di fatto combattendo questa guerra – ma si contano anche oltre 2000 civili tra cui centinaia di bambini e di donne. Sono cioè sempre di più coloro che subiscono questo conflitto. Per i cattolici siriani inoltre è stata senza dubbio la Pasqua più triste. A Ghassanye nel nord della Siria, dove restano non più di 15 persone, gli abitanti non hanno potuto celebrare né la Passione né la crocifissione. A Damasco la tv di stato ha mostrato le immagini della messa pasquale in alcune chiese, alcune di esse – tuttavia – quasi prive di fedeli. Ieri i combattimenti si sono concentrati ad Aleppo, dove parte della città vecchia è andata distrutta. Nel villaggio di Tal Kalakh, alla frontiera con il Libano, è stata invece scoperta un’altra esecuzione collettiva di cui il regime e i ribelli si accusano reciprocamente.

Testo proveniente dalla pagina

 
http://it.radiovaticana.va/news/2013/04/02/siria:_marzo_il_mese_pi%C3%B9_sanguinoso_dallinizio_della_guerra_civile/it1-678840

del sito Radio Vaticana