Benvenuti nel sito della Chiesa Cattolica di Torino

Centro
Federico Peirone

Seguici su
Facebooktwitterrssyoutubeinstagram
15 Maggio 2014

SUDAN – ( 15 Maggio )

Facebooktwitterpinterestlinkedinmail

Sudan: giovane donna condannata a morte per aver sposato un cristiano



Ancora sofferenze per i cristiani, in Sudan la giovane donna Mariam Yahya Ibrahim rischia la pena di morte per apostasia e adulterio. Questa la terribile sentenza di un tribunale, che ha condannato la donna per aver sposato un cittadino cristiano ed essersi convertita alla fede nel marito. Ce ne parla Giulio Albanese: RealAudioMP3

La notizia è inquietante e rivelatrice del fondamentalismo che attanaglia la società nord sudanese e in particole la giustizia. La donna è stata infatti condannata a morte per “apostasia” e adulterio da un tribunale locale, per aver sposato un cittadino cristiano ed essersi convertita alla fede del proprio coniuge, in flagrante violazione della Sharìa, la legge islamica. La donna ha tempo fino ad oggi per abbandonare la sua nuova fede, pena l’esecuzione capitale pena capitale. Mariam Yahya Ibrahim, 27 anni, cresciuta dalla madre cristiana dopo che il padre musulmano se ne è andato quando aveva sei anni, è in prigione dal 17 febbraio insieme al figlio di 20 mesi ed è prossima al termine di una seconda gravidanza. Il caso di Ibrahim ha sollevato aspre critiche da parte degli attivisti per i diritti umani in Sudan, che hanno chiesto al governo di Khartoum di rispettare la libertà di religione.

Testo proveniente dalla pagina

 
http://it.radiovaticana.va/news/2014/05/15/sudan:_giovane_donna_condannata_a_morte_per_aver_sposato_un_cristiano/it1-799341

del sito Radio Vaticana