Benvenuti nel sito della Chiesa Cattolica di Torino

Centro
Federico Peirone

Seguici su
Facebooktwitterrssyoutubeinstagram

ASIA/IRAN – ( 6 Settembre )

Facebooktwitterpinterestlinkedinmail

ASIA/IRAN – I convertiti cristiani continuano ad essere accusati di reati capitali

Teheran (Agenzia Fides) – Due cristiani iraniani della denominazione protestante “Chiesa dell’Iran” sono stati accusati di “diffondere la corruzione sulla terra”. Dello stesso reato è accusato il Pastore iraniano Matthias Haghnejad, e con lui un altro cristiano, Silas Rabbani. Nei giorni scorsi al Pastore Behnam Irani sono stati notificati 18 nuovi capi d’accusa, tra i quali quello di “inimicizia verso Dio” e di essere una spia. Sono i casi che testimoniano come la pressione delle autorità iraniane sui convertiti cristiani continua a essere molto forte. 
Come riferisce a Fides l’Ong “Christian Solidarity Worldwide” (CSW), tali casi sono parte di una preoccupante escalation nella campagna contro convertiti al cristianesimo, accusati di “azioni contro lo Stato” o “contro l’ordine sociale”. Agli accusati potrebbe anche essere inflitta la pena capitale. Nel 2014, infatti, otto uomini processati in base agli stessi capi di accusa, sono stati giustiziati in Iran. Fra loro il poeta e attivista per i diritti culturali Hashem Shaabani. Spesso gli arrestati subiscono torture per estorcere loro una falsa confessione o processi iniqui condotti in assenza di testimoni. 
CSW si dice allarmata per l’intensificarsi di questa campagna, dato che “tali accuse ingiustificate rappresentano un atto d’accusa del cristianesimo stesso”. L’Ong chiede il rilascio di tutti i cristiani detenuti solo a causa della loro fede. (PA) (Agenzia Fides 6/9/2014)

Il testo completo si trova su:

http://www.fides.org/it/news/55877-ASIA_IRAN_I_convertiti_cristiani_continuano_ad_essere_accusati_di_reati_capitali