Benvenuti nel sito della Chiesa Cattolica di Torino

Centro
Federico Peirone

Seguici su
Facebooktwitterrssyoutubeinstagram

ASIA/PAKISTAN – (7 Dicembre)

Indagini in corso nel caso della “Maria Goretti del Pakistan”: il dolore non è in vendita
Facebooktwitterpinterestlinkedinmail
Faisalabad (Agenzia Fides) – La comunità cattolica locale già la chiama “la Maria Goretti del Pakistan” e la ricorda come “martire della fede”. Mentre la Chiesa di Faisalabad è ancora scossa per l’omicidio della 18enne cattolica Mariah Manisha, uccisa da un musulmano per aver rifiutato la conversione forzata e il matrimonio islamico, alcuni leader islamici locali stanno cercando di “comprare il silenzio” della famiglia della vittima. Come riferiscono fonti di Fides, i capi musulmani intendono applicare il meccanismo islamico del “diyat”, il cosiddetto “prezzo del sangue”, previsto dalla sharia: grazie ad una adeguata “compensazione economica”, la famiglia della vittima concede il perdono all’omicida, e questo spiana la strada al suo rilascio, mettendo fine alla vicenda, senza alcuna punizione legale. Il musulmano Mohammad Arif Gujjar, che l’ha uccisa il 27 novembre 2011, appartiene infatti a una famiglia ricca, in contatto con personaggi politici di rilevo in Punjab e con influenti leader religiosi islamici. Mentre l’assassino è stato arrestato e le indigni proseguono, anziani leader musulmani stanno visitando la famiglia per porgere le condoglianze ma anche per offrire denaro in cambio del “silenzio”. I genitori di Mariah, Razia Bibi e il padre Manisha Masih, che vivono nel villaggio di Samundari e hanno altri cinque figli, sono indignati da tali proposte. Mons. Khalid Rashid Asi, Vicario generale di Faisalabad e Presidente della Commissione diocesana per i giovani, spiega a Fides: “Stiamo seguendo con attenzione e con commozione questa vicenda. Aspettiamo la chiusura definitiva dell’inchiesta delle forze dell’ordine. Poi, come Chiesa locale, esamineremo il caso e tutte le testimonianze, valutando se segnalare Mariah alla Conferenza Episcopale, come martire della fede”. In un altro delicato caso, Martha Bibi, donna cristiana vittime di false accuse di blasfemia, è stata rilasciata su cauzione a fronte del pagamento di 100.000 rupie, grazie all’intervento dell’Ong LEAD (Legal Evangelical Association Development). La donna, che viveva nel villaggio di Kot Nanak Singh, in Punjab, è accusata di aver offeso il Corano e il profeta Maometto nel gennaio 2011. Il processo è comunque in corso a Lahore. Haroon Barkat Masih, Direttore della Ong cristiana “Masihi Foundation”, che si occupa di Asia Bibi, commenta a Fides: “I due strumenti principali per colpire i cristiani in Pakistan sono proprio la legge sulla blasfemia da un lato, il ‘diyat’ dall’altro. Prima i fedeli vengono uccisi o messi in carcere con false accuse, poi si cerca di comprare il silenzio delle famiglie, per rimettere in libertà i criminali”. (PA) (Agenzia Fides 7/12/2011)

Il testo completo si trova su:

http://www.fides.org/aree/news/newsdet.php?idnews=37921&lan=ita