Benvenuti nel sito della Chiesa Cattolica di Torino

Centro
Federico Peirone

Seguici su
Facebooktwitterrssyoutubeinstagram

ASIA/SIRIA – ( 6 Marzo )

Facebooktwitterpinterestlinkedinmail

ASIA/SIRIA – Oltre 2.000 nuovi rifugiati siriani in Libano: l’accoglienza dei cristiani

Beirut (Agenzia Fides) – A causa della violenza persistente, la popolazione civile siriana fugge verso il Libano: secondo le Nazioni Unite, 2.000 nuovi rifugiati hanno attraversato la frontiera negli ultimi due giorni. In questa fase, la comunità cristiana in Libano sta dando esempio di accoglienza e solidarietà.
P. Paul Karam, Direttore delle Pontificie Missionarie in Libano spiega all’Agenzia Fides: “Abbiamo esperienza diretta di famiglie cristiane fuggite dalla Siria per la violenza o per l’oppressione del regime. Vi sono famiglie che hanno parenti in Libano, che sono rifugiate qui e vogliono cambiare vita, cercando lavoro. La risposta della Chiesa in Libano è stata l’accoglienza e la cura di queste persone: le ospitiamo nelle parrocchie, forniamo cibo e vestiario, le assistiamo a livello economico e ad inserirle nel tessuto sociale. Le famiglie cristiane siriane sono divise in varie parrocchie e diocesi. Sulle famiglie non cristiane non abbiamo notizie dirette, ma sappiamo che ve ne sono molte nel Nord e che il governo libanese ha chiesto alla popolazione di accogliere i rifugiati”.
Sulla crisi siriana, p. Karam dice: “Come Chiesa ribadiamo che siamo contro la violenza. Vogliamo promuovere la pace e incoraggiare il dialogo. Per quanto riguarda i cristiani, il pericolo che incombe è uno scenario di tipo iracheno, in cui i cristiani siano costretti a fuggire dal paese. Il rischio è che a un regime dittatoriale se ne sostituisca uno di tipo islamista, che imponga la sharia”.
Per questo, aggiunge il Direttore, “la giusta chiave di lettura è quella del dialogo e della pace, nel rispetto della dignità e dei diritti umani. Ogni azione politica deve essere ispirata al bene dell’umanità e della popolazione civile, e non generata da interessi particolari di gruppi o di nazioni”. (PA) (Agenzia Fides 6/3/2012

Il testo completo si trova su:
http://www.fides.org/aree/news/newsdet.php?idnews=38607