Benvenuti nel sito della Chiesa Cattolica di Torino

Centro
Federico Peirone

Seguici su
Facebooktwitterrssyoutubeinstagram
2 Febbraio 2017

ASIA/TERRA SANTA – (2 Febbraio 2017)

Facebooktwitterpinterestlinkedinmail

ASIA/TERRA SANTA – Nuovi insediamenti nei Territori Occupati. Direttore di Caritas Jerusalem: la soluzione “due popoli due Stati” è morta

giovedì, 2 febbraio 2017 geopolitica   aree di crisi   caritas  

thenewobserveronline.com

 
TERRASANTA

 

Gerusalemme (Agenzia Fides) – Il governo israeliano ha da poco reso noti i piani di costruzione di 3mila nuove unità abitative destinate a coloni ebrei nei territori della Cisgiordania occupati dall’esercito d’Israele. Nelle ultime due settimane, e precisamente dal giorno dell’insediamento del nuovo Presidente Usa Donald Trump, è la quarta volta che il governo israeliano annuncia programmi di costruzione di nuovi insediamenti destinati ai coloni su territori palestinesi occupati, mentre procede lo sgombero di una ventina di famiglie dell’insediamento “spontaneo” di Amona, non lontano da Ramallah, imposto alle autorità politiche israeliane da una sentenza dell’alta Corte di giustizia.
Dallo scorso 20 gennaio, Israele ha approvato la costruzione di 566 unità abitative per i coloni in tre aree del territorio di Gerusalemme, e di 5.502 nuove unità abitative sparse in varie zone della Cisgiordania. Il ministro della Difesa, Avigdor Lieberman, ha annunciato l’inizio di una “nuova era dove la vita in Giudea e Samaria sta tornando al suo corso naturale”.
“In questo modo” dichiara all’Agenzia Fides padre Raed Abusahliah, Direttore di Caritas Jerusalem, “si prosegue la politica dei fatti compiuti che fin dall’inizio ha di fatto sabotato gli accordi di pace di Oslo. Lo slogan di quegli accordi di pace era ‘land for peace’, terra in cambio della pace. Nel 1993 la firma degli accordi prevedeva il ritiro di Israele dai territori palestinesi entro 3 anni. 23 anni dopo, continuano a costruire. Gli insediamenti costruiti sui territori palestinesi sono più di 400. Hanno circondato Gerusalemme e vengono costruiti intorno a Betlemme, a Hebron, a Ramallah, a pochi chilometri dalla casa di Abu Mazen. Ci abitano 650mila coloni, ideologicamente orientati, per i quali Samaria e Giudea sono la Terra promessa da Dio a loro, che sono il Popolo eletto. Tutto questo vuol dire semplicemente che la proposta ‘due Stati per due popoli’ è già morta. Questa è la realtà che abbiamo davanti”.
Padre Raed commenta anche le indiscrezioni secondo cui la nuova amministrazione USA si sta preparando a tagliare i propri contributi a tutti gli organismi internazionali che riconoscono come propri membri a pieno titolo l’Autorità palestinese o l’Organizzazione per la Liberazione della Palestina (OLP): “Se ciò accadrà” sostiene padre Raed “sarà il segno che si applaude l’aggressore e si punisce l’aggredito”. (GV) (Agenzia Fides 2/2/2017).

Il testo originale e completo si trova su:

http://www.fides.org/it/news/61645-ASIA_TERRA_SANTA_Nuovi_insediamenti_nei_Territori_Occupati_Direttore_di_Caritas_Jerusalem_la_soluzione_due_popoli_due_Stati_e_morta#.WJM9E3-520I