Benvenuti nel sito della Chiesa Cattolica di Torino

Centro
Federico Peirone

Seguici su
Facebooktwitterrssyoutubeinstagram

CONGO – ( 11 Novembre )

Facebooktwitterpinterestlinkedinmail

Pace in Congo: la firma a Kampala tra governo di Kinshasa e ribelli M23



Oggi a Kampala, in Uganda, la firma tra il governo di Kinshasa e i ribelli del famigerato movimento congolese M23. Si tratta di un accordo che dovrebbe segnare la svolta per la tormentata regione congolese del Nord Kivu, ma non mancano i dubbi. Il servizio è di Giulio Albanese:RealAudioMP3

Se da una parte l’intesa odierna tra ribelli e governativi congolesi è stata accolta positivamente dalla comunità internazionale e dalla popolazione locale, tuttavia si rivela come una soluzione a metà che, purtroppo, non rende giustizia fino in fondo. In effetti, la decisione di deporre le armi da parte dei ribelli è avvenuta a seguito di un’offensiva, avvenuta nei giorni scorsi, dell’esercito governativo congolese, affiancato da una brigata di caschi blu dell’Onu. Col risultato che il leader militare dell’M23, Sultani Makenga e i suoi seguaci sono ora in Uganda, per così dire, a piede libero e continueranno a rappresentare, stando così le cose, una minaccia per l’ex Zaire.


Per un parere su questo accordo, Cecilia Sabelli ha raggiunto telefonicamente in Congo il primo vicesegretario della Conferenza episcopale del Paese, l’abate Donatien Nshole:RealAudioMP3

C’è chi parla di un accordo, c’è chi parla di una semplice dichiarazione, però per il popolo congolese, e per la Chiesa cattolica in particolare, quello che è più importante è che questo accordo, questa intesa – si può chiamarli come si vuole – non tocchi due cose alle quali i congolesi tengono molto: l’integrità del Paese e la sua sovranità. A suo tempo, i vescovi non erano d’accordo con gli ambienti di Kampala, perché secondo loro la pace non era indicata. Ma se con questa evoluzione le pecore perdute ora vogliono tornare al buon senso, questa è una bellissima cosa.

D. – Le tensioni sono diminuite, dopo questo annuncio?

R. – Già con la vittoria militare, il popolo si sente un po’ rassicurato, un po’ protetto. C’è chi ha pensato anche che non valesse la pena venire a patti con i

Testo proveniente dalla pagina

 
http://it.radiovaticana.va/news/2013/11/11/pace_in_congo:_la_firma_a__kampala_tra_governo_di_kinshasa_e__ribelli/it1-745461

del sito Radio Vaticana