Benvenuti nel sito della Chiesa Cattolica di Torino

Centro
Federico Peirone

Seguici su
Facebooktwitterrssyoutubeinstagram

EGITTO – ( 10 Febbraio )

Facebooktwitterpinterestlinkedinmail

Egitto: proteste contro il presidente Morsi, due anni fa le dimissioni di Mubarak



Almeno 93 persone sono state arrestate in Egitto in seguito agli scontri del cosiddetto “Venerdì della dignità”, che ha visto migliaia di manifestanti, in tutto il Paese, contestare il governo islamista del presidente Mohamed Morsi, leader dei Fratelli musulmani. Centinaia i feriti. Le proteste sono proseguite anche ieri al Cairo. In questo clima, oggi ricorre il secondo anniversario delle dimissioni del presidente Mubarak. In due anni il Paese non ha raggiunto ancora una stabilità e nuovi e vecchi poteri forti continuano ad impedire una reale transizione democratica. Giancarlo La Vella ne ha parlato con Giuseppe Acconcia, giornalista che sta seguendo con attenzione la “primavera araba”: RealAudioMP3

R. – Da quel momento è iniziato il processo contro l’ex rais. E’ stato condannato all’ergastolo ma in realtà ormai è tutto da rifare. Anche le condanne all’ergastolo per lui e l’ex ministro dell’Interno Habib el Adly sono da rivedere. E quindi, si torna un po’ a quella data, all’11 febbraio 2011, in un clima di grande tensione.

D. – Quei poteri forti che convivevano con Mubarak, sono ancora presenti, oggi?

R. – Sì, proprio per evitare il ritorno al caos il presidente Mohammed Morsi ha conferito poteri speciali all’esercito che può arrestare i manifestanti, soprattutto nelle tre città che sono state oggetto di maggiori tensioni nelle ultime settimane: Port Said, Suez e Ismalia. Quindi, in qualche modo l’accordo tra islamisti ed esercito prosegue per tenere il Paese nella stabilità, per evitare che la piazza spinga ad una trasformazione radicale. Ma in realtà, il clima è talmente teso che viene presa di mira direttamente l’opposizione, e questo rende il clima sempre più teso e difficile da riportare alla normale tranquillità.

D. – C’è ancora, nell’Egitto di oggi, qualcuno che rimpiange Mubarak?

R. – Sicuramente, il primo rimpianto viene dall’approvazione della Costituzione, perché questa Costituzione è la Costituzione dei Fratelli musulmani e non rappresenta la complessità del popolo egiziano. Quindi, questa è sicuramente una rottura con il passato: la Costituzione del 1971 che è stata in vigore nei 30 anni di regime di Mubarak, dava una rappresentazione della società egiziana più equilibrata di questa.

D. – Come Mubarak è riuscito a governare in modo stabile per 30 anni?

R. – Prima di tutto con la legge di emergenza, che è stata in vigore per questi 30 anni, e che ha soffocato le manifestazioni e l’opposizione egiziana che si è trovata a poter manifestare di nuovo soltanto negli ultimi anni; e poi sicuramente con un sistema di assistenza che ha favorito la dipendenza dallo Stato delle classi più disagiate. Questo è stato fatto anche delegando parte del potere ai Fratelli musulmani, e con la fine del regime di Mubarak i Fratelli musulmani hanno acquisito quel potere che prima avevano soltanto marginalmente e così adesso sono loro il nemico dei manifestanti, sono loro che vogliono implementare e riprodurre il controllo sulla società che prima aveva il Partito nazionale democratico.

Ultimo aggiornamento: 11 febbraio

Testo proveniente dalla pagina

 
http://it.radiovaticana.va/news/2013/02/10/egitto:_proteste_contro_il_presidente_morsi,_due_anni_fa_le_dimissioni/it1-663558

del sito Radio Vaticana