Benvenuti nel sito della Chiesa Cattolica di Torino

Centro
Federico Peirone

Seguici su
Facebooktwitterrssyoutubeinstagram

GAZA – ( 23 Ottobre )

Facebooktwitterpinterestlinkedinmail
Emiro del Qatar a Gaza: prima visita di un leader arabo “nell’era Hamas”


L’Emiro del Qatar, sceicco Hamad bin Khalifa al-Thani, è giunto oggi nella Striscia di Gaza per una visita di alcune ore durante la quale porrà la prima pietra per un nuovo quartiere per mille famiglie palestinesi. La leadership di Hamas ha chiesto alla popolazione di riversarsi in massa nelle strade e nello stadio di Gaza per ascoltare il discorso di al-Thani. Si tratta del primo capo di Stato arabo in visita nella Striscia da quando gli islamici hanno conquistato il pieno controllo dell’enclave, nel 2007. Del ruolo del Qatar a Gaza, Fausta Speranza ha parlato con il prof. Arduino Paniccia, docente di studi strategici all’Università di Trieste:RealAudioMP3

R. – La strategia è la contrapposizione alla strategia siriana del dittatore Assad: cioè si vuole togliere pezzi di alleanza, tra cui sicuramente quella di Hamas al regime siriano che cerca di allargare il conflitto in tutta l’area. A questo punto, l’emiro Bin Khalif al Thani si presenta ad Hamas come il benefattore e anche come “ambasciatore degli interessi americani” nell’area, portando oltre 250 milioni di dollari di aiuti – che sono soltanto la prima tranche – per permettere a Hamas di sviluppare una nuova politica che la veda meno isolata, sia nella lotta contro l’Autorità palestinese, sia contro le forze israeliane. Si vuole comprendere sempre più Hamas in questa nuova strategia di area che vede in prima linea proprio il Qatar, in rappresentanza anche degli interessi sauditi, americani e – sullo sfondo – perfino turchi.

D. – Chiariamo meglio, in questo contesto, il tentativo di Assad?

R. – Il regime di Assad persegue, come risposta all’attacco da più parti anche dal fronte arabo sunnita, il tentativo di destabilizzare le aree vicine. Quindi: finanziare e armare i curdi in Turchia, destabilizzare di nuovo l’area libanese, e quindi la parte mediterranea e, fino a poco tempo fa – un anno e mezzo fa, circa – tentare di alimentare il conflitto tra Hamas e l’Autorità palestinese onde tenere sotto scacco anche l’area di Gaza e, più in generale, la vicenda della Palestina. Questa strategia è stata abbastanza evidente e gli americani hanno, naturalmente, cercato di portare in prima linea non loro stessi – sapendo che questo avrebbe portato moltissimi problemi – ma il Qatar, il Paese in questo momento più esposto della parte del Golfo e degli Emirati, che rappresenta interessi multipli, compreso il fatto di essere “all’avanguardia” del nuovo fronte sunnita e della rappresentanza degli stessi Fratelli musulmani e, in piccola parte, anche delle componenti salafite.

D. – Dunque: ha parlato di strategia, di interessi, di Fratelli musulmani. Resta da ricordare l’obiettivo finale sullo sfondo: isolare l’Iran…

R. – Sicuramente. L’Iran ha, ad un certo momento, rappresentato una linea di demarcazione, quella che gli americani chiamavano la frontiera avanzata: la frontiera avanzata sciita, che passava dal Golfo Persico fino al Mediterraneo, appunto in una linea che univa l’Iran, gli interessi emergenti sempre più forti sciiti in Iraq, attraverso la Siria e Assad fino al Libano e alla Palestina, con Hezbollah e Hamas. L’obiettivo del Qatar è quello di recidere il più possibile le alleanze e gli sforzi per tenere questa linea rossa strategica iraniana e, quindi, anche attraverso la caduta del regime di Assad, rendere sempre più isolato l’Iran e le sue ambizioni di potenza regionale, possibilmente nucleare – almeno negli obiettivi degli ayatollah – nel Golfo.

Il testo completo si trova su:

http://it.radiovaticana.va/news/2012/10/23/emiro_del_qatar_a_gaza:_prima_visita_di_un_leader_arabo__nell’era_hama/it1-632360