Benvenuti nel sito della Chiesa Cattolica di Torino

Centro
Federico Peirone

Seguici su
Facebooktwitterrssyoutubeinstagram
15 Ottobre 2016

GIORDANIA – (15 Ottobre 2016)

Facebooktwitterpinterestlinkedinmail
Monsignor Galantino in Giordania

«Cacciati perché cristiani, c’è un debito verso questi profughi»

 
I.M.

 
 
​Bambini profughi al campo di Zaatari in Giordania

Sono venuto a confermarvi la nostra vicinanza, fatta di preghiera, di ammirazione grata e di aiuto solidale». Monsignor Nunzio Galantino ha concluso ieri la visita che da martedì l’ha portato in Giordania, rinnovando l’impegno della Chiesa italiana che già lo scorso anno aveva permesso a 1.400 ragazzi iracheni cacciati in quanto cristiani – di tornare sui banchi di scuola.

Il progetto formativo contribuisce a dare stabilità alle famiglie e, quindi, alla presenza cristiana in Medio Oriente. Finanziato con i fondi 8 per mille che i cittadini destinano alla Chiesa cattolica, vede il coinvolgimento della Nunziatura apostolica di Giordania, in accordo con il Patriarcato latino.

«Sentivo doveroso ritornare – spiega Galantino – essenzialmente per ribadire la prossimità della nostra Chiesa a quanti fuggono dalla violenza della guerra e della persecuzione. Le storie di tanti profughi testimoniano il dramma e, nel contempo, la forza della loro fede: siamo debitori verso questi fratelli, per cui la loro vicenda deve starci davvero a cuore».

Uno dei momenti più toccanti è stata la visita al campo profughi di Zaatari, che ospita oltre 80mila rifugiati siriani: «Sono rimasto impressionato non soltanto per le sue dimensioni – osserva il segretario generale – ma anche perché, parlando con gli operatori che lo gestiscono, ho capito che a breve non c’è alcuna prospettiva di smantellarlo: sarà ancora lunga la crisi che l’ha generato».

Significative anche le visite nelle case di qualche famiglia povera e l’incontro con realtà sostenute dalla Caritas, dalla «Mensa della Misericordia» – inaugurata in occasione dell’Anno Santo – a progetti come «Rafedin», volto a dare un’opportunità lavorativa a una ventina di giovani irachene, grazie al coinvolgimento di alcune sarte volontarie di Cerignola: «Iniziative come questa – ha commentato monsignor Galantino, rivolgendosi alle ragazze – vi permettono di cominciare a pensare al futuro, che vi auguro possa realizzarsi con un ritorno alla vostra patria».

© riproduzione riservata

Il testo originale e completo si trova su:

http://www.avvenire.it/Mondo/Pagine/cristiani-cacciati-dalla-siria-galantino-profughi-zaatari-giordania.aspx