Benvenuti nel sito della Chiesa Cattolica di Torino

Centro
Federico Peirone

Seguici su
Facebooktwitterrssyoutubeinstagram
29 Settembre 2016

GIORDANIA – (29 Settembre 2016)

Facebooktwitterpinterestlinkedinmail

Giordania: mons. Pizzaballa porterà le condoglianze a famiglia Hattar

Mons. Pizzaballa - REUTERS

Mons. Pizzaballa – REUTERS

Mons. Pierbattista Pizzaballa, sarà nei prossimi giorni in visita ufficiale in Giordania, la prima dalla sua nomina ad amministratore apostolico del Patriarcato Latino di Gerusalemme. La visita – informa il vicariato per la Giordania del Patriarcato latino di Gerusalemme citato dall’agenzia Fides – avverrà in forma sobria, mantenendo i riti religiosi programmati ma eliminando tutti i momenti celebrativi e di festa, tenendo conto delle “difficoltà che sta attraversando la Giordania” e soprattutto dei sentimenti di lutto vissuti dalla famiglia dell’intellettuale Nahed Hattar, ucciso domenica scorsa davanti al tribunale di Amman.  Durante la visita, mons. Pizzaballa visiterà anche Fuhieis e in quell’occasione si recherà anche a portare personalmente le condoglianze alla famiglia dello scrittore assassinato.

Hattar, cattolico non credente, assassinato per la diffusione di una vignetta
Nahed Hattar apparteneva a una famiglia cattolica di rito latino, ma non era credente. Già da studente era conosciuto per la sua adesione militante a posizioni politiche di sinistra. Ad agosto, Hattar era stato chiamato a giudizio per aver condiviso su facebook una vignetta intitolata “il dio di Daesh”, in cui si ritraeva un noto jihadista legato all’auto-proclamato Stato Islamico (Daesh) e recentemente ucciso da un raid americano, mentre nella sua tenda in paradiso, a letto con due donne, ordinava a Dio in maniera sprezzante di portargli un bicchiere di vino. Il rilancio della vignetta da parte del noto attivista politico aveva scatenato polemiche sui social media. Hattar era stato anche rinviato a giudizio, pure con l’accusa di aver diffuso “materiale inteso a colpire il sentimento e il credo religioso”. Domenica mattina, proprio mentre si recava al tribunale di Amman per un’udienza relativa a tale caso controverso, è stato ucciso con tre colpi di pistola da un killer sconosciuto, che dopo avergli sparato è riuscito a dileguarsi, facendo perdere le sue tracce. (G.V.)

Il testo originale e completo si trova su:

http://it.radiovaticana.va/news/2016/09/29/giordania_condoglianze_mons_pizzaballa_a_famiglia_hattar/1261410