Benvenuti nel sito della Chiesa Cattolica di Torino

Centro
Federico Peirone

Seguici su
Facebooktwitterrssyoutubeinstagram

IRAQ – ( 18 Febbraio )

Facebooktwitterpinterestlinkedinmail

Iraq. Al Qaeda rivendica attentati contro sciiti. Mons. Warduni: situazione terribile, non c’è più sicurezza



Sono stati rivendicati dall’Isi, organizzazione terroristica che fa capo ad al Qaeda, gli attentati che hanno scosso l’Iraq nelle ultime 48 ore con un bilancio di almeno 30 morti e 120 feriti. Nel mirino soprattutto la capitale Baghdad, dove secondo la polizia sono esplose 13 autobombe in 6 diversi quartieri. In mattinata anche l’attacco contro un oleodotto nella raffineria di Baji, che ha messo fuori uso l’impianto. Al microfono di Cecilia Seppia la preoccupazione di mons. Shlemon Warduni, vescovo ausiliare di Baghdad: RealAudioMP3

R. – La situazione non è facile. E’ una situazione molto dolente, terribile, perché ormai non c’è alcuna sicurezza da noi.
D. – Tredici autobombe esplose solo a Baghdad, in quartieri a maggioranza sciita. Quindi, ancora una volta, dietro a queste azioni c’è la faida perenne, la lotta per il potere tra sunniti e sciiti…

R. – Bisogna allontanarsi dagli interessi personali, partigiani, anche religiosi e confessionali. Questo solo il Signore lo potrebbe fare: dare la grazia, affinché possano vedere solo il bene dell’Iraq e la tranquillità del popolo iracheno.

D. – I sopravvissuti a queste esplosioni, avvenute per lo più in mercati e quindi in zone molto frequentate, hanno riferito di uno scenario di guerra. Come stanno reagendo le autorità e soprattutto la Chiesa, anche nei confronti dei fedeli: cosa si dice loro per incoraggiarli, per tranquillizzarli?

R. – Certamente il governo è a disagio: tutto questo non è certo buono per la sua stabilità, per il suo operato. Questa cosa non finirà! Bisogna avere uno spirito di sacrificio, bisogna avere uno spirito capace di allontanarsi dagli interessi personali: tutti vogliono solo il bene personale… Questo è egoismo! D’altra parte siamo in Quaresima e noi preghiamo per la pace. Non abbiamo nient’altro: i nostri fedeli soffrono; i nostri cittadini soffrono; i nostri bambini soffrono; gli anziani, i malati e i giovani soffrano. Perciò chiediamo la grazia del Signore. Io dico solo: noi vogliamo la pace, allora preghiamo e cerchiamo la pace. Adesso specialmente, in questo periodo di Quaresima, noi diciamo ai nostri fedeli di pregare, di andare avanti con fiducia nel Signore.

D. – Come stanno vivendo i cristiani questo momento in Iraq: qual è la situazione, la condizione dei cristiani, che sappiamo essere una minoranza nel Paese?

R. – Non ci sono azioni particolari contro i cristiani. Certamente tutto questo influisce sull’ambiente generale del Paese. Purtroppo il fenomeno dell’emigrazione è ancora in atto, perché vedendo queste disgrazie, si domandano: chi garantisce la nostra vita? Chi garantisce la sicurezza della nostra famiglia?

Testo proveniente dalla pagina

 
http://it.radiovaticana.va/news/2013/02/18/iraq._al_qaeda_rivendica_attentati_contro_sciiti._mons._warduni:_situa/it1-666004
 

del sito Radio Vaticana