Benvenuti nel sito della Chiesa Cattolica di Torino

Centro
Federico Peirone

Seguici su
Facebooktwitterrssyoutubeinstagram

ISRAELE/PALESTINA – ( 18 Dicembre )

Facebooktwitterpinterestlinkedinmail

Via libera di Israele a 1500 nuove case a Gerusalemme est. Irritazione dell’Anp



Israele ha annunciato il proseguimento del suo piano di espansione a Gerusalemme est. Saranno, infatti, costruiti altri 1500 nuovi insediamenti. Un annuncio che ha provocato l’irritazione dell’Autorità Nazionale Palestinese che ha chiesto l’intervento del Consiglio di Sicurezza dell’Onu. Benedetta Capelli:RealAudioMP3

Millecinquecento nuove case saranno costruite a Ramat Shlomo, un quartiere di Gerusalemme est. Duecento abitazioni in meno rispetto al progetto iniziale. Si tratta di un’altra fase della politica espansionistica di Israele – fanno sapere fonti ufficiali – che già aveva approvato nelle scorse settimane la costruzione di altri 3mila nuovi alloggi. Il piano, congelato nel 2010, era stato ripreso dopo il riconoscimento della Palestina come stato osservatore e non membro dell’Assemblea generale dell’Onu. E al Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite l’Autorità Nazionale Palestinese ha minacciato di ricorrere dopo il nuovo annuncio. Intanto ieri Abu Mazen, dopo il colloquio con il Papa in Vaticano, ha avuto una serie di incontri istituzionali. In una nota, il presidente dell’Anp e il premier italiano Monti hanno condannato i progetti abitativi di Israele ed affermato che è necessario consolidare la tregua a Gaza per far ripartire il processo di pace. L’Anp – ha chiarito Abu Mazen – è pronta a negoziati diretti ma solo se lo Stato ebraico fermerà la costruzione di nuovi insediamenti e scongelerà i finanziamenti a favore della Palestina. Monti, da parte sua, ha ribadito la necessità che l’Anp si impegni a non ricorrere alla giurisdizione del Tribunale Penale Internazionale proprio per la politica espansionistica israeliana.

 
Il testo completo si trova su:

http://it.radiovaticana.va/news/2012/12/18/via_libera_di_israele_a_1500_nuove_case_a_gerusalemme_est._irritazione/it1-648473