Benvenuti nel sito della Chiesa Cattolica di Torino

Centro
Federico Peirone

Seguici su
Facebooktwitterrssyoutubeinstagram

MAURITANIA – (16 Ottobre)

Elezioni in Mauritania. Alla vigilia del voto l'accordo per cambiare la Costituzione
Facebooktwitterpinterestlinkedinmail
Urne aperte oggi in Mauritania dove si svolgeranno le elezioni municipali e legislative. Alla vigilia del voto, l’accordo tra diversi partiti di opposizione e il presidente Aziz per cambiare la Costituzione. Ce ne parla Luciano Ardesi, esperto di Nord Africa, al microfono di Francesca Smacchia:RealAudio  MP3 (http://212.77.9.15/audiomp3/00284499.MP3)

R. – La Mauritania esce, in questi ultimi anni, da una situazione particolarmente difficile e complessa. Dopo aver subito a lungo la dittatura del presidente Ould Taya, nel 2007 un colpo di stato democratico di un generale aveva aperto per la prima volta il potere ai civili, con delle elezioni democratiche – nel 2007 – che avevano portato per la prima volta ad una competizione regolare. Il presidente che era stato eletto liberamente nel 2007, Abdallahi, è stato deposto un anno dopo dall’attuale presidente, il generale Aziz, che si è fatto poi regolarmente eleggere nel 2009, ma con sospetto di brogli. Questo naturalmente ha creato delle forti tensioni nel Paese, che si sono stemperate progressivamente, arrivando alla vigilia del voto con un accordo tra diversi partiti di opposizione e il presidente per rivedere la Carta Costituzionale e diminuire le prerogative del presidente in carica: in modo particolare il primo ministro non sarà più responsabile di fronte al presidente, ma di fronte al Parlamento e all’interno della maggioranza parlamentare dovrà essere scelto il primo ministro.

D. – E’ un modo anche per limitare il potere del generale Aziz?

R. – Sì, si vuole addirittura mettere nella futura Costituzione il divieto di colpo di stato… Ahimè questa forse non sarà comunque un’assicurazione contro nuovi colpi di mano, ma diciamo che traduce bene il clima che c’è oggi nel Paese.

D. – In una visione più globale, come si pone nell’area maghrebina la Mauritania?

R. – Bisogna ricordare che la Mauritania è entrata nell’area delle agitazioni sociali, che da questa primavera sta attraversando tutto il Nord Africa e tutto il mondo arabo. Ci sono state in gennaio delle proteste, ci sono stati anche episodi di persone che si sono immolate, che si sono date fuoco, ad imitazione di quello che era successo in Tunisia. Diciamo che in questo momento l’attenzione è, da una parte, rivolta alla richiesta di democrazia e del percorso che si è concluso da poco; e, dall’altra, ci sono fortissime tensioni sociali, perché la Mauritania che – da cinque anni – è entrata nel lotto dei Paesi produttori di petrolio, non ha avuto la sua situazione sociale ed economica migliorata, almeno a livello della gente e del popolo: rimane sempre un Paese estremamente povero. (mg)

Il testo completo si trova su:

 
http://www.radiovaticana.org/it1/articolo.asp?c=529491