Benvenuti nel sito della Chiesa Cattolica di Torino

Centro
Federico Peirone

Seguici su
Facebooktwitterrssyoutubeinstagram
3 Marzo 2014

NIGERIA – ( 3 Marzo )

Facebooktwitterpinterestlinkedinmail

IL VESCOVO DI MAIDUGURI: NOI, SENZA PIÙ DIFESE

Allo stremo e, ciò che forse fa più male, abbandonati dallo Stato: monsignor Oliver Dashe Doeme, il vescovo di Maiduguri, descrive così alla MISNA i sentimenti degli abitanti della sua diocesi dopo gli attentati e le violenze che nel fine-settimana hanno causato più di 80 vittime.

“A Maiduguri – dice monsignor Dashe Doeme – gli abitanti sembrano affidare ormai le proprie richieste di sicurezza soprattutto alle Forze congiunte civili, le ronde di volontari che presidiano gli ingressi della città e dei quartieri per impedire attentati”. Sabato né queste pattuglie improvvisate né le centinaia di soldati giunti a Maiduguri nell’ultimo anno sono bastati per impedire l’esplosione di due autobomba nei pressi del mercato cittadino. Le deflagrazioni hanno causato più di 50 vittime, quasi tutti civili. Alcuni di loro sono stati uccisi dall’esplosione di un secondo ordigno mentre cercavano di soccorrere le persone ferite pochi minuti prima.

A Maiduguri e nella regione di Borno, della quale la città è capoluogo, i rinforzi dell’esercito sono arrivati a seguito dell’entrata in vigore di uno stato di emergenza nel nord-est della Nigeria nel maggio scorso. Secondo monsignor Dashe Doeme, responsabile di una diocesi al confine con il Ciad, il Niger e il Camerun dove la popolazione è in stragrande maggioranza musulmana, i soldati inviati da Abuja sono demotivati e male equipaggiati. “Il governo destina grandi risorse alla sicurezza – sottolinea il vescovo – ma c’è il sospetto che la corruzione ne sottragga una buona parte”.

Di soldati demoralizzati e senza i mezzi necessari aveva parlato di recente anche il governatore di Borno, Kashim Shettima. Una lettura dei fatti accreditata anche dalla strage degli studenti di Buni Yadi, una cittadina situata nella regione di Yobe, sempre parte della diocesi di Maiduguri. Secondo monsignor Dashe Doeme, sono trascorse prima che le forze di sicurezza raggiungessero l’istituto scolastico preso d’assalto dal commando di Boko Haram. “In altre occasioni – aggiunge il vescovo – i soldati sono stati stati messi in fuga da gruppi armati meglio di loro”.

(Vedi anche notizia delle 8.57)

[VG]

© 2014 MISNA – Missionary International Service News Agency Srl – All Right Reserved.

 

Il testo completo si trova su:

http://www.misna.org/altro/il-vescovo-di-maiduguri-noi-senza-piu-difese-03-03-2014-813.html