Benvenuti nel sito della Chiesa Cattolica di Torino

Centro
Federico Peirone

Seguici su
Facebooktwitterrssyoutubeinstagram

NIGERIA – (6 Novembre)

Nigeria: 150 morti negli attacchi terroristici del gruppo islamista Boko Haram
Facebooktwitterpinterestlinkedinmail
È salito ad almeno 150 morti il bilancio della serie di attacchi terroristici nel Nord della Nigeria. I miliziani del gruppo islamista Boko Haram, che hanno rivendicato le azioni, hanno preso di mira diverse caserme, almeno sei chiese e anche una moschea nelle città di Damataru e Potiskum, dove si registrano la gran parte delle vittime. Le azioni di venerdì scorso sono l’ultimo atto di una lunga scia di violenze che, in agosto, ha colpito anche la sede delle Nazioni Unite della capitale Abuja. Ma quale obiettivo persegue questo gruppo terroristico? Marco Guerra lo ha chiesto a padre Giulio Albanese, direttore di “Popoli e Missione”: RealAudio

R. – Vi è una vera e propria lotta di potere tra potentati locali che, purtroppo – è triste dirlo – utilizzano questi movimenti terroristici, queste “squadracce” per destabilizzare il Paese. Molte volte questo conflitto, perché di questo si tratta, passa per un conflitto religioso: la sensazione – secondo gli osservatori e anche gli stessi leader religiosi – è che molte volte la questione religiosa venga strumentalizzata per affermare interessi di parte. Non fosse altro perché è un Paese potenzialmente ricco, che “galleggia” sul petrolio… La verità è che purtroppo non esiste una coesione tra i vari gruppi etnici ed è ancora aperta la questione sociale. Va ricordato che l’uno per cento della popolazione nigeriana detiene un qualcosa come il 75 per cento della ricchezza nazionale. Vi è dunque grande insoddisfazione tra i ceti meno abbienti, che sono – per certi versi – quelli più riottosi e quindi facilmente manipolabili da parte di questi potentati. La sensazione è che, in ogni caso, dietro le quinte ci siano comunque questi poteri e che in una maniera o nell’altra intendono seminare zizzania. E questo concretamente cosa significa? Indebolire lo stato centrale; indebolire il governo federale di Abuja.

D. – Quale contributo di pacificazione può offrire la Chiesa della Nigeria e, più in generale, la comunità cristiana?

R. – La Chiesa cattolica sta da anni contribuendo fattivamente al processo di pacificazione. In più circostanze, i vescovi nigeriani hanno ribadito un concetto che è importante riaffermare: non si tratta di una guerra di religione e che, comunque, c’è gente che strumentalizza la questione religiosa per affermare i propri interessi. Questo è l’aspetto estremamente importante da sottolineare, perché chi si dice religioso non può mai fare ricorso alla violenza. D’altronde, questo è stato anche il messaggio lanciato con molta forza dal recente incontro di Assisi, convocato dal Santo Padre. (mg)
 

Il testo completo si trova su:
 
http://www.radiovaticana.org/it1/print_page.asp?c=535465