Benvenuti nel sito della Chiesa Cattolica di Torino

Centro
Federico Peirone

Seguici su
Facebooktwitterrssyoutubeinstagram
21 Luglio 2021

PAKISTAN – (21 Luglio 2021)

Facebooktwitterpinterestlinkedinmail

ASIA/PAKISTAN – Limite di età per la conversione religiosa: il Ministero per gli affari religiosi frena

mercoledì, 21 luglio 2021 giovani   libertà di coscienza   libertà religiosa   diritti umani   donne   minoranze religiose  
 

Lahore (Agenzia Fides) – Il Ministero per gli affari religiosi del Pakistan non intende porre limiti di età alla conversione religiosa. Come appreso da Fides, nel corso di una recente riunione della Commissione parlamentare per i diritti delle minoranze del Senato, il Ministro per gli Affari religiosi, Noorul Haq Qadri, ha affermato di non voler sostenere un possibile limite minimo di età di 18 anni per la conversione religiosa. Se qualcuno vuole cambiare religione prima dei 18 anni, quella è una libera scelta, ha asserito, mentre per il matrimonio si tratterebbe di una questione diversa. La questione relativa al limite di età minima per il matrimonio era stata sottoposta al Consiglio per l’Ideologia Islamica, organo consultivo. Ma, come notano le organizzazioni cristiane in Pakistan, la questione è strettamente connessa alla conversione religiosa.
In un messaggio inviato all’Agenzia Fides, Nasir Saeed, Direttore della Ong “CLAAS” (Centre for Legal Aid Assistance & Settlement), spiega che i casi di giovani ragazze cristiane e indù costrette a convertirsi sono aumentati vertiginosamente nell’ultimo anno. E nota: “Tenere in considerazione lo scenario complessivo e considerare l’attuale impostazione di un’età minima di 18 anni per la conversione è fondamentale. Ho riscontrato personalmente almeno due dozzine di casi di conversione forzata di giovani ragazze cristiane nel Punjab, e il 90% delle ragazze ha meno di sedici anni”. Secondo il Direttore di CLAAS, “spesso la polizia trasforma i casi di rapimento in casi di ‘conversione religiosa’ e poi, invece di intraprendere le necessarie azioni contro il rapitore, consegna un certificato di conversione ai genitori della ragazza rapita, dicendo che la ragazza si è convertita all’Islam di sua spontanea volontà, quindi essi non possono fare nulla ed è tutto legale”.
“In alcuni casi la polizia ha perfino detto ai genitori che dovevano essere felici perché la loro figlia si era convertita all’Islam. Anche i tribunali pakistani spesso non rendono giustizia alle vittime e alle loro famiglie poiché, invece di decidere e applicare le leggi vigenti nel paese, i casi vengono decisi sulla base della dichiarazione estorte alle ragazze rapite. I giudici ignorano completamente le leggi nazionali e internazionali e danneggiano l’intero paese”.
Dato questo scenario, “è opportuno e urgente che il governo agisca in base alle raccomandazioni della Commissione parlamentare sui diritti delle minoranze del Senato, fissando a 18 anni l’età minima per una conversione religiosa”, nota Nasir Saeed.
Secondo i leader cristiani della società civile in Pakistan, un provvedimento che limiti l’età della conversione religiosa a 18 anni può risultare utile ad arginare il fenomeno del rapimento, conversione e matrimonio delle ragazze cristiane e indù. Ma la via migliore per risolvere la questione alla radice, si afferma, è frenare i matrimoni forzati garantendo l’applicazione di un’età minima di 18 anni per il matrimonio, secondo la legge sulla protezione delle donne.
(PA) (Agenzia Fides 21/7/2021)

Il testo originale e completo si trova su:

http://www.fides.org/it/news/70541-ASIA_PAKISTAN_Limite_di_eta_per_la_conversione_religiosa_il_Ministero_per_gli_affari_religiosi_frena