Benvenuti nel sito della Chiesa Cattolica di Torino

Centro
Federico Peirone

Seguici su
Facebooktwitterrssyoutubeinstagram

SIRIA – ( 11 Giugno )

Facebooktwitterpinterestlinkedinmail

Siria, Caracciolo: massacro insensato in attesa di un compromesso politico



Due nuovi attentati stamane nel centro di Damasco hanno causato almeno 14 morti e 31 feriti. Un bollettino di guerra che registra dall’inizio del conflitto civile in Siria più due anni fa circa 60 mila vittime, 3 mila morti solo nel maggio scorso, di cui quasi 350 minori. Ma a che punto sono le trattative o semplicemente i tentativi per fermare la guerra? O la soluzione arriverà solo dal più forte sul campo di battaglia? Roberta Gisotti ha intervistato Lucio Caracciolo, direttore della rivista di geopolitica “Limes”.RealAudioMP3

D. – Anzitutto, ci sono novità da parte degli Stati Uniti? Sembra che sia vicina la decisione di inviare i cosiddetti “aiuti letali” ovvero armi ai ribelli…

R. – Pare che nei prossimi giorni si prenderà una decisione in questo senso. Il rischio enorme è che queste armi finiscano in braccia poco amiche degli Stati Uniti, in particolare a jihadisti come quelli di Annusra. Quindi, gli americani pensano anzitutto di non mandare armi proprie, ma di fare in modo che armi da loro controllate vadano all’esercito siriano libero. Il problema è che l’esercito siriano libero è ormai un’entità relativamente minore sul campo di battaglia ed è estremamente frammentato al suo interno.

D. – Sul terreno, che dire della rimonta del presidente Assad, che dopo la conquista della città di Qusayr ha lanciato l’offensiva ad Aleppo?

R. – Sì, Aleppo non è mai stata pienamente in mano ai ribelli: è una città contesa ormai da mesi, una città chiave lungo l’asse che poi da Aleppo, scendendo per Hama e Homs, porta a Damasco. Quell’asse dove potrebbe decidersi da un punto di vista militare la guerra, anche se francamente non credo che nessuna delle parti abbia le capacità di prevalere sull’altra. Quindi, a un certo punto, o la guerra si esaurirà semplicemente per stanchezza dei combattenti – ma mi pare difficile – oppure un qualche compromesso politico dovrà essere inventato.

D. – C’è stato il rinvio di “Ginevra 2”, la Conferenza prevista a maggio. Qualcuno ha commentato “il regime non ha fretta e neanche i ribelli”…

R. – Il regime non ha mai fretta perché, negli ultimi mesi, sul campo di battaglia sta raccogliendo notevoli successi, a cominciare da quello di Qusayr. I ribelli non hanno fretta perché, dal loro punto di vista, basta resistere e non perdere. A un certo punto, però, se non vorranno continuare in questo massacro piuttosto insensato, dovranno trovare il modo di parlarsi direttamente o indirettamente, anche perché ormai della Siria resta pochino.

D. – Ecco, lei ha sottolineato un “massacro insensato”. In più, nei tempi di oggi, questi massacri insensati sono sotto gli occhi di tutti, quotidianamente. Insomma, che cosa dire dal suo osservatorio?

R. – Che non necessariamente la politica, tantomeno la guerra, come sua continuazione devono avere un senso. Molto spesso gli avvenimenti partono nella speranza di indirizzarli in un modo, poi improvvisamente scartano e nessuno è più in grado di controllarli davvero. In questa vicenda, si nota da una parte l’interferenza, dall’altra l’impotenza delle maggiori potenze regionali e non solo. Pensiamo a cosa sta succedendo in Turchia, dove dopo avere spiegato ad Assad che bisognava dialogare con i dimostranti, Erdogan dimostra di non avere nessuna intenzione di farlo con i propri. Speriamo solamente che non finisca come sta finendo in Siria.

Testo proveniente dalla pagina

 
http://it.radiovaticana.va/news/2013/06/11/siria,_caracciolo:_massacro_insensato_in_attesa_di_un_compromess/it1-700447
 

del sito Radio Vaticana