Benvenuti nel sito della Chiesa Cattolica di Torino

Centro
Federico Peirone

Seguici su
Facebooktwitterrssyoutubeinstagram

SIRIA – ( 26 Novembre )

Facebooktwitterpinterestlinkedinmail
Domenica di sangue in Siria mentre si aggrava l’emergenza umanitaria


In Siria, domenica è stata l’ennesima domenica di sangue. Le battaglie più cruente si sono combattute nei sobborghi di Damasco, mentre si aggrava l’emergenza umanitaria. Marina Calculli:RealAudioMP3

La battaglia tra ribelli e i lealisti si è concentrata ieri nei dintorni di Damasco. Nel frattempo la tv di Stato comunicava che era in corso una grande operazione per liberare definitivamente la capitale dai “terroristi”, secondo il vocabolario del regime. Eppure i ribelli hanno conquistato ieri gran parte dell’importante aeroporto militare di Marj-el-Sultan, a 15 km da Damasco, e hanno preso il controllo di un campo di addestramento palestinese dipendente dal Fronte popolare di liberazione della Palestina. Il campo si trova a Douma, un sobborgo della capitale. L’agenzia governativa SANA ha confermato la notizia, sostenendo tuttavia che i gruppi implicati in quell’operazione agissero su ordine del Mossad. Si aggrava, intanto, l’emergenza umanitaria. L’agenzia Onu per i rifugiati ha distribuito kit di aiuti di prima necessità a oltre sessantamila famiglie. Un carico importante di materiale, tuttavia, è andato perso in un incendio nei pressi di Aleppo. Il numero complessivo dei rifugiati nei paesi vicini è raddoppiato nel giro degli ultimi 3 mesi salendo a 440 mila. La maggior parte ormai si dirige verso il Libano.

 
Il testo completo si trova su:

http://it.radiovaticana.va/news/2012/11/26/domenica_di_sangue_in_siria_mentre_si_aggrava_l’emergenza_umanitaria/it1-642055