Benvenuti nel sito della Chiesa Cattolica di Torino

Centro
Federico Peirone

Seguici su
Facebooktwitterrssyoutubeinstagram

SIRIA – ( 5 Giugno )

Facebooktwitterpinterestlinkedinmail
SIRIA

Gli insorti perdono la città di Qusayr:
«Centinaia di uccisi da esercito e Hezbollah»

 
 
 
 
L’esercito siriano ha riconquistato la città di Qusayr, una delle più importanti roccaforti dei ribelli. È stato un bagno di sangue, con “centinaia di morti”, a sentire gli stessi ribelli. Di sicuro è una vittoria importante che potrebbe cambiare le dinamiche sul terreno e comunque conferma che Bashar al-Assad, di fronte a un’opposizione litigiosa e frammentata, si sta riorganizzando.
Il regime, che in questi mesi ha goduto del sostegno della milizia sciita libanese di Hezbollah e dell’Iran, sta guadagnando terreno.

La regione di Qusayr, situata nella provincia di Homs, vicino al confine libanese, è cruciale perchè collega Damasco alla costa (e dunque ai suoi feudi, a maggioranza alawita, lungo il Mediterraneo); ed è sulla rotta di transito di miliziani e armi, destinati tanto all’esercito che ai ribelli. La riconquista è un successo importante per Damasco perchè spiana la strada verso Homs, dove i ribelli ancora controllano molti quartieri. Non è chiaro invece cosa comporterà per i ribelli: loro assicurano che una battaglia persa, non significa che la rivolta sia finita: “La santa rivoluzione continua. La vittoria è dalla parte dei giusti, coloro che hanno resistito all’oppressione e all’ingiustizia”, ha fatto sapere la Coalizione Nazionale.

La città è adesso in mano all’esercito e ai miliziani di Hezbollah, il potente movimento sciita che si è rivelato decisivo nell’assedio. L’Iran, principale alleato regionale di Damasco, si è affrettato a congratularsi. E adesso il timore è di una nuova accelerazione nelle rappresaglie e vendette tra i sunniti, la gran parte della popolazione, e gli sciiti ed alawiti.

Su questo sfondo appare arduo il compito delle Cancellerie. Diplomatici americani, russi e Onu sono riuniti a Ginevra per la prima riunione preparatoria alla conferenza di pace che vorrebbe mettere fine al conflitto: da definire innanzitutto agenda e lista dei partecipanti e dunque il compito è tutto in salita. Intanto, dopo la Francia, anche la Gran Bretagna assicura di avere le prove che il regime abbia usato il gas sarin: “Il regime ha usato, e continua a usare, le armi chimiche, compreso il sarin”, ha detto un portavoce del governo. La Francia comunque non interverrà unilateralmente: “nessuna decisione unilaterale e isolata, ora la parola spetta alla comunità internazionale”.

Il testo completo si trova su:

http://www.avvenire.it/Mondo/Pagine/siria-cade-la-citta-di-qusayr.aspx