Benvenuti nel sito della Chiesa Cattolica di Torino

Centro
Federico Peirone

Seguici su
Facebooktwitterrssyoutubeinstagram

SIRIA – ( 6 Maggio )

Facebooktwitterpinterestlinkedinmail

Siria. Entra in vigore l’accordo su Homs, ma sul terreno è ancora violenza



Ora in Siria, dove non cessa la violenza tra oppositori al regime e militari. Scontri anche tra gruppi jihadisti, mentre entra tra poche ore in vigore l’accordo di tregua a Homs tra esercito e insorti. Roberto Piermarini:RealAudioMP3

L’intesa prevede la fine dell’assedio e la messa in salvo di 2.250 persone, tra combattenti, civili e feriti. In cambio, è previsto il rilascio da parte dei ribelli di una settantina di prigionieri libanesi e iraniani detenuti ad Aleppo e l’accesso di aiuti umanitari in alcuni villaggi sciiti della stessa zona settentrionale, rimasti fedeli al regime. Mentre dall’Onu è arrivato un nuovo appello ai Paesi del mondo ad aprire le frontiere ai siriani in fuga dalla guerra, proprio ad Aleppo una pioggia di razzi ha colpito un quartiere sotto il controllo delle forze del regime, uccidendo almeno nove persone. Sulla situazione in città, Giada Aquilino ha intervistato mons. Jean-Clément Jeanbart, arcivescovo di Aleppo dei greco melkiti:RealAudioMP3

R. – La situazione umanitaria è molto difficile, perché la gente soffre, sia a causa dei proiettili, sia dei colpi di mortaio che cadono. Ieri, ho celebrato i funerali di un cinquantenne con tre figli, ucciso nel magazzino nel quale lavorava in un quartiere cristiano: è caduto un colpo di mortaio e l’ha ucciso. Ci sono diversi casi simili. Poi non c’è acqua, il sistema elettrico è fuori uso, quindi abbiamo tantissime difficoltà. La gente non ne può più, in particolar modo i cristiani, che pensano di scappare e andare via e questo è ciò che ci preoccupa di più e che ci fa soffrire di più.

D. – Si tratta di sofferenze comuni e, per così dire, “trasversali” a tutte le comunità?

R. – Sì, per tutte le comunità. Io parlo in particolare dei nostri cristiani, con i quali abbiamo contatti ogni giorno. Ma sì, riguarda tutti, musulmani, cristiani… I bombardamenti si riversano su tutta la città, ma non sono bombardamenti aerei o di cannoni, ma colpi di mortai, di razzi, che fanno molto danno e paura alla gente.

D. – Nelle ultime ore, a Homs è stata raggiunta un’intesa tra le autorità di Damasco e i ribelli…

R. – Sì, speriamo che sia così anche ad Aleppo…

D. – Secondo lei, la via per una pacificazione del Paese può avvenire zona per zona, oppure ci dev’essere un accordo globale?

R. – Ambedue. Un accordo globale e zona per zona: non possiamo aspettare l’accordo globale, che richiederà tempo. Ma almeno zona per zona, che i civili e i cittadini possano avere un po’ di tranquillità e sicurezza.

D. – Le autorità di Damasco preparano le elezioni per il mese di giugno: qual è la situazione?

R. – Credo che provino a pacificare le grandi città, per permettere alla gente di andare alle urne.

D. – Ma secondo lei, il Paese in questo momento è pronto per andare alle urne?

R. – Non si sa. Aleppo non è pronta, però sembra che Damasco sia pronta. Latakia, Hama, Homs credo di sì. Ma Aleppo, con questa situazione, è un po’ pericoloso. Vediamo come si evolveranno le cose da qui al momento delle elezioni.

D. – Oltre tre anni di guerra in Siria hanno già causato oltre 150 mila morti. Che immagine di speranza si può avere per il futuro?

R. – Speriamo di avere un’immagine di speranza. Però, io parlo in particolare di Aleppo: hanno distrutto tutte le fabbriche, tutto quello che avrebbe potuto dare lavoro alla gente e che avrebbe potuto far vivere la città, che è grandissima. Abbiamo perso il centro economico e industriale della Siria. Noi soffriamo perché vediamo questa città, che era molto prospera, caduta ad un livello di desolazione terribile. Comunque, abbiamo speranza per il futuro: sempre un po’ di più, un po’ meglio, meno scuro.

Intanto è scontro tra le due formazioni jihadiste più attive nel Paese: il fronte al Nusra, sostenuto da al Qaeda e lo “Stato Islamico dell’Iraq e del Levante”, che ha ordinato al gruppo di ritirarsi in Iraq. 74 morti il bilancio degli scontri nelle ultime 24 ore.

Testo proveniente dalla pagina


http://it.radiovaticana.va/news/2014/05/06/siria._entra_in_vigore_l’accordo_su_homs,_ma_sul_terreno_è_ancora/it1-796751

del sito Radio Vaticana