Benvenuti nel sito della Chiesa Cattolica di Torino

Centro
Federico Peirone

Seguici su
Facebooktwitterrssyoutubeinstagram

SIRIA – ( 6 Settembre )

Facebooktwitterpinterestlinkedinmail
Siria: fermare guerra contro i bambini. Lega araba: intervenga Onu.
Padre dall’Oglio: digiuno per la pace



Unanime la condanna internazionale per la strage di bambini in Siria: almeno 25 le piccole vittime innocenti nei combattimenti, ieri, tra regime e opposizione ad Aleppo e Damasco, che hanno causato 175 morti. Il servizio di Roberta Gisotti 00:01:05:98

Impossibile proteggere la popolazione civile in Siria dove la situazione ha assunto “proporzioni catastrofiche”, ha denunciato l’inviato dell’Onu e della Lega araba Brahimi. Tanto più che il Consiglio di sicurezza resta paralizzato minando la stessa credibilità delle Nazioni Unite. Non possiamo – ha detto il segretario generale Ban Ki-moon – distogliere lo sguardo da una violenza che cresce senza controllo, da un emergenza umanitaria che peggiora e da una crisi che minaccia di estendersi oltre i confini della Siria. E un appello ai membri del Consiglio è arrivato dai ministri degli Esteri Lega araba, riuniti ieri al Cairo in Egitto, perché siano portati davanti alla giustizia internazionale i responsabili dei “crimini contro l’umanità” che non risparmiano in Siria, neanche i bambini. Ma resta divisa la comunità internazionale: se il primo ministro turco Erdogan ha accusato ieri Assad di avere creato uno “Stato terroristico”, il presidente Russo Putin ha criticato la politica occidentale di sostegno all’opposizione siriana, e mentre la Cina chiede di avviare un dialogo politico e di cessare i combattimenti, si dice che l’Iran stia rifornendo Damasco di armi per via aerea. Fermiamo almeno la guerra contro i bambini siriani chiedono l’Unicef e Save the Children
Un digiuno per la pace in Siria e per il buon esito dell’ormai prossimo viaggio del Papa in Libano. E’ quanto ha intrapreso padre Paolo Dall’Oglio gesuita, fondatore una trentina d’anni fa, del monastero di Mar Moussa in Siria, suo paese d’adozione. Sentiamolo al microfono di Olivier Bonnel: RealAudioMP3

R. – Il digiuno è uno sforzo spirituale che va insieme alla preghiera, al desiderio. È un modo di provocare una concentrazione esistenziale verso un obiettivo, qualcosa che chiediamo al cielo, ma nella quale ci impegniamo anche sulla terra. Il digiuno che alcuni amici in tutto il mondo fanno, è perché il viaggio del Papa riesca, che il viaggio del Papa avvenga in pace, porti pace al Medio Oriente e soprattutto una parola di consolazione e di verità per la Siria. I siriani soffrono da morire, la guerra civile impazza, la rivoluzione stagna bloccata da questa guerra nella quale tanti partners – regionali ed internazionali – vengono a combattere per interposta persona, attraverso i fucili siriani. Il Papa dirà che questo deve interrompersi, che i siriani hanno diritto all’autodeterminazione democratica, alla giustizia, alla trasparenza, ad essere una società pluralista, interreligiosa, civile. Quindi, io spero davvero che il viaggio del Papa venga a curare le nostre piaghe.

D. – L’esperienza della pace è ancora possibile oggi in Siria secondo lei?

R. – I giovani combattono per la speranza, per una Siria migliore, purtroppo adesso sappiamo che questa Siria migliore dovrà impegnarsi anche a ricostruirsi, perché gran parte del Pese è distrutto, molte infrastrutture sono distrutte, la fiducia tra i cittadini è persa e quindi c’è molto, molto da fare. Molti cristiani stanno partendo e quelli che ritorneranno saranno attori in prima linea, con i loro concittadini musulmani, per creare la Siria che tutti desideriamo per i nostri figli e per le generazioni a venire.

D. – Ha parlato un po’ della responsabilità occidentale,a proposito della Siria.Qual è questa responsabilità?

R. – Se si pensa in Siria di punire l’Iran, è chiaro che poi l’Iran in Siria reagisce a protezione dei suoi interessi; se in Siria si pensa di far indietreggiare la Russia sul continente, è chiaro che questo poi provoca delle conseguenze. Se qualcuno – non voglio fare nomi – pensasse che è nel suo interesse geostrategico-regionale vedere i nemici uccidersi ed eliminarsi tra loro, è chiaro che non c’è speranza per la Siria. Io mi appello collettivamente: bisogna scegliere la solidarietà con i siriani, piuttosto che un interesse geostrategico, tattico di corta durata e miope. Quindi, io spero che l’Italia inizi un nuovo, grande impegno diplomatico per una Siria neutrale – né occidentale, né post-sovietica – è una Siria per tutti, una Siria alle sorgenti della civiltà mediterranea e dobbiamo tutti impegnarci. Tutta la Siria deve essere protetta dall’Unesco, non solo per i grandi monumenti ma anche perché è un “monumento immateriale” di civiltà.

D. – Quale potrebbe essere il ruolo dei cristiani siriani oggi?

R. – Tanti cristiani siriani oggi stanno cercando di alleviare le sofferenze del popolo siriano, ci sono tanti siriani che lavorano per i feriti, tanti siriani cristiani che lavorano per alleviare le sofferenze delle famiglie che hanno persone in carcere, persone uccise, rapite, sparite. Quindi, questo “buon samaritano” si metta all’opera e faccia quello che può, per non consegnare all’inferno la società siriana nel suo complesso.

 
Il testo completo si trova su:

http://it.radiovaticana.va/news/2012/09/06/siria:_fermare_guerra_contro_i_bambini._lega_araba:_intervenga_onu._pa/it1-618715