Benvenuti nel sito della Chiesa Cattolica di Torino

Centro
Federico Peirone

Seguici su
Facebooktwitterrssyoutubeinstagram
8 Maggio 2014

SIRIA – ( 8 Maggio )

Facebooktwitterpinterestlinkedinmail

Siria: prosegue il ritiro dei ribelli da Homs



L’amministrazione Obama ha deciso di sostenere la richiesta di un’indagine della Corte penale internazionale sui potenziali crimini di guerra compiuti nel conflitto in Siria. Intanto dalla città vecchia di Homs è iniziato il ritiro dei ribelli, che la occupavano da oltre due anni sotto l’assedio dei lealisti. Una complessa intesa al riguardo era stata siglata nei giorni scorsi col regime. A questo proposito ascoltiamo Massimo Campanini, docente di Storia dei Paesi islamici all’Università di Trento, intervistato da Giada Aquilino:RealAudioMP3

R. – Bisognerà aspettare un po’ di tempo prima di dare un giudizio definitivo. Indubbiamente, questi avvenimenti sembrano testimoniare da una parte che i ribelli sono sulla difensiva e che, quindi, la prospettiva di un rovesciamento di Bashar al Assad attraverso la forza delle armi si allontana nel tempo e nello spazio. Dall’altra parte sembra potersi trarre l’ulteriore conferma del fatto che, in qualche modo, Bashar al Assad ha continuato a godere almeno di una parte di consenso, controlla le forze armate e, quindi, ha in mano gli strumenti per sopravvivere. Del resto, bisognerebbe capire esattamente, quando si parla di ribelli, di chi si parla: il fronte di opposizione ad Assad è molto variegato, ci sono componenti molto diversificate che vanno dai laici ad al Qaeda o ad altre organizzazioni jihadiste. In particolare queste organizzazioni jihadiste non hanno certo interesse ad arrivare ad un’intesa con il regime, perché il loro piano è quello di ‘balcanizzare’ la regione, partendo dal buco nero della Siria, con un effetto potenziale di allargamento che evidentemente serve alla strategia dei gruppi maggiormente estremisti e radicali.

D. – Homs nei tre anni di conflitto è stata spesso indicata come ‘capitale della rivoluzione’. Ora cambia il suo aspetto?

R. – Questa definizione di Homs come ‘capitale della rivoluzione’ può essere presa con le pinze, con le molle, nel senso che non credo che proprio questa eterogeneità di partecipazione dei gruppi ribelli al fronte di opposizione avesse una localizzazione propria nel senso di erigere una città, nel caso specifico Homs, come reale alternativa a Damasco, sede del potere di Bashar al Assad.

D. – A giugno le presidenziali organizzate dal presidente Assad: come potrà realizzarsi secondo lei il voto in un Paese, di fatto, ancora in conflitto?

R. – E’ ovvio che è anche una votazione non è che possa garantire vere e proprie certezze democratiche. Non solo perché la grande maggioranza dei siriani è preoccupata per la casa, la famiglia, il pane, il lavoro, quindi indubbiamente queste elezioni possono interessare in maniera anche relativa. Si tratterà probabilmente di un metodo attraverso cui Bashar al Assad si può presentare sia all’opinione pubblica interna, sia agli osservatori internazionali ancora come il ‘controllore’ della Siria.

 

Testo proveniente dalla pagina

 
http://it.radiovaticana.va/news/2014/05/08/siria:_prosegue_il_ritiro_dei_ribelli_da_homs/it1-797363

del sito Radio Vaticana