Benvenuti nel sito della Chiesa Cattolica di Torino

Centro
Federico Peirone

Seguici su
Facebooktwitterrssyoutubeinstagram

TUNISIA – (11 Luglio)

Tunisia: leader islamico, nessuna transizione democratica senza di noi
Facebooktwitterpinterestlinkedinmail
(Aki) – “Non è possibile una transizione verso la democrazia nel mondo arabo senza la corrente islamica moderata, che è la piu’ vasta”. E’ con queste parole che il leader del partito islamico tunisino, Rachid Ghannouchi, commenta in un’intervista ad AKI – ADNKRONOS INTERNATIONAL la situazione politica nei paesi arabi, dopo le rivoluzioni dei mesi scorsi. “La corrente islamica moderata che è rappresentata dal movimento di al-Nahda in Tunisia – spiega – e dai Fratelli Musulmani in Egitto, crede nello stato democratico e nei diritti individuali. Si tratta della corrente piu’ vasta e non si puo’ parlare di transizione democratica nella regione tenendo fuori questa forza”.

Il leader islamico non crede pero’ che il suo movimento in Tunisia possa governare da solo: “E’ necessario invece che possa governare insieme alle altre forze politiche. Per questo chiedo che si formi un esecutivo frutto di un’alleanza nazionale in Tunisia e lo stesso vale per l’Egitto, dove non è nell’interesse del paese che i Fratelli Musulmani governino da soli”.

A proposito del suo movimento in Tunisia, Ghannouchi spiega che “‘al-Nahda ora è il partito più forte del paese e queste’ evidente a tutti”. L’anziano leader islamico esclude che nella sua formazione politica “ci sia chi richiama alla violenze e rifiuta l’altro, come sostengono alcuni politici”. Ghannouchi, ritornato in patria dopo anni di esilio subito dopo la caduta del regime di Zine el Abidine Ben Ali, accoglie “con favore la posizione dell’amministrazione degli Stati Uniti, aperta alla collaborazione con i movimenti islamici arabi”.


Il testo completo si trova su:

 
http://www.adnkronos.com/IGN/Aki/Italiano/Politica/Tunisia-leader-islamico-nessuna-transizione-democratica-senza-di-noi_312228677126.html