Benvenuti nel sito della Chiesa Cattolica di Torino

Centro
Federico Peirone

Seguici su
Facebooktwitterrssyoutubeinstagram

TUNISIA – (19 Ottobre)

ELEZIONI IN TUNISIA: MONS. LAHHAM (TUNISI), "LABORATORIO DI LIBERTÀ E DEMOCRAZIA"
Facebooktwitterpinterestlinkedinmail
“Spero che la Tunisia diventi davvero un laboratorio di libertà e democrazia. Speriamo che le elezioni vadano bene e il popolo tunisino possa vivere in tranquillità e pace, perché merita di avere lavoro e futuro nel proprio Paese”. E’ l’auspicio espresso in una intervista al SIR (clicca qui) da mons. Maroun Lahham, arcivescovo di Tunisi, alla vigilia delle prime elezioni libere dopo la “primavera araba” che ha scosso i regimi nordafricani. Mons. Lahham, che presenterà al Vaticano un rapporto post-elettorale sui risultati, aveva già scritto a luglio una lettera pastorale sulle elezioni, nella quale invitava all’“ottimismo e al discernimento”. “I tunisini sanno che devono fare bella figura perché rispetto ai Paesi arabi costituiscono un laboratorio – dice oggi mons. Lahham – e rispetto all’Europa sono coloro che portano avanti questo primo tentativo nel mondo islamico”. L’arcivescovo pensa che “le elezioni si svolgeranno serenamente” anche se “le sorprese delle elezioni non si possono prevedere”. A suo avviso “c’è voglia di partecipare ma non troppo entusiasmo. E’ la prima volta ma tutti i programmi sono simili. Tutti i partiti promettono il paradiso ma la gente non sa bene chi votare. C’è ancora incertezza e confusione, anche perché è una novità”. “Secondo l’ultimo sondaggio – conclude – la gente vuole soprattutto lavoro e sicurezza. Tutte le altre promesse sono vento”.

Il testo completo si trova su:

 
http://www.agensir.it/pls/sir/v3_s2doc_b.quotidiano?tema=Quotidiano&argomento=dettaglio&id_oggetto=226789