Benvenuti nel sito della Chiesa Cattolica di Torino

Centro
Federico Peirone

Seguici su
Facebooktwitterrssyoutubeinstagram

TUNISIA – ( 26 Luglio )

Facebooktwitterpinterestlinkedinmail
ALTA TENSIONE AL CAIRO
 
Egitto, Morsi in arresto scontri tra i manifestanti
 
 
 
 
Alta tensione in Egitto: gli scontri tra opposte fazioni, ampiamente annunciati, sono puntualmente esplosi. Da una parte i sostenitori del governo, dall’altra i Fratelli musulmani. Ci sono già dieci feriti. L’esercito presidia piazza Tahrir, gli elicotteri d’assalto sorvolano le strade.

A gettare benzina sul fuoco è stato l’arresto del deposto presidente egiziano Mohamed Morsi, posto in custodia cautelare per 15 giorni: i magistrati lo accusano di aver portato avanti attività di spionaggio per conto di Hamas e di essere coinvolto nelle evasioni di massa dalle prigioni durante la rivoluzione del 2011.

I Fratelli musulmani sono furiosi: la carcerazione di Morsi è “illegale”, dicono, perché l’ex presidente non ha avuto un avvocato difensore. E avvisano che la sua detenzione porterà il paese alla “divisione”, oltre a segnare “un ritorno al passato”, ovvero all’era Mubarak. E anche Hamas ha condannato l’arresto.

“No alla violenza, sì allo stato di diritto e a procedure regolari, riconciliazione basata sull’inclusione sono i principi base ai quali aderire in questo momento difficile” aveva twittato il vicepresidente El Baradei. Ma l’appello è caduto nel vuoto.