Benvenuti nel sito della Chiesa Cattolica di Torino

Centro
Federico Peirone

Seguici su
Facebooktwitterrssyoutubeinstagram
2 Giugno 2013

TURCHIA – ( 2 Giugno )

Facebooktwitterpinterestlinkedinmail

Nuove proteste antigovernative in Turchia. Oltre mille feriti, 1700 gli arresti a Istanbul e Ankara



In Turchia, dopo Istanbul, la protesta arriva nella capitale Ankara, dove centinaia di persone sono scese in piazza contro il governo di Erdogan e l’islamizzazione della politica. “Non sono un dittatore – ha detto il premier – il mio mestiere è servire il popolo”. Ma intanto è polemica per le misure eccessive delle forze dell’ordine che anche ieri hanno fatto uso di lacrimogeni. Cecilia Seppia:RealAudioMP3

Dopo Istanbul, epicentro della protesta dei cittadini turchi oggi è la capitare Ankara, dove migliaia di persone sono scese in strada contro l’islamizzazione della politica e per chiedere le dimissioni del premier Erdogan. Anche qui, la polizia si è lanciata in una serie di violente cariche e ha fatto uso di lacrimogeni, per fermare l’avanzata della folla verso la sede del governo. Ad Istanbul invece si respira una calma precaria dopo il ritiro degli agenti da piazza Taksim. Il bilancio degli scontri di ieri, secondo Amnesty International è di un migliaio di feriti, non confermate invece le due vittime. Più di 1700 le persone finite in manette. La rivolta qui è iniziata qualche giorno fa contro la distruzione di Gezi Park e l’abbattimento di più di 600 alberi per far spazio ad una caserma dell’esercito. Il premier Erdogan che aveva ammesso gli eccessi della polizia, in un discorso alla nazione ha detto di “non essere un dittatore e che il suo mestiere è servire il popolo”, quindi ha assicurato che su Gezi Park non c’è ancora nulla di definitivo. In serata il ministro degi esteri Davoutoglu ha ammonito: “basta con queste proteste, non portano alcun beneficio anzi danneggeranno la reputazione del nostro Paese nel mondo”.

Ma quanto le proteste di piazza mettono a rischio la tenuta dell’esecutivo? Davide Maggiore lo ha chiesto a Fabio Grassi, ricercatore in Storia dell’Europa Orientale presso l’Università “La Sapienza” di Roma:RealAudioMP3

R. – Non a breve termine: non è che abitualmente le proteste, per quanto imponenti, facciano cadere i governi. Certamente possono produrre – come mi sembra stia avvenendo – un certo ripensamento, una modifica di atteggiamento.

D. – Qual è la natura di queste proteste? Si tratta di un movimento paragonabile alle primavere arabe che hanno attraversato altri Paesi della regione?

R. – Non vedo una grande somiglianza con questi movimenti. Nel caso delle primavere arabe c’era una profonda spinta di insofferenza, di ribellione contro regimi elitari e spesso militari. Qui il segno è contrario: è una ribellione, è un segnale di forte insofferenza da parte della Turchia laica contro un governo, in cui la spinta verso certe forme di tradizionalismo si è fatta piuttosto forte. Ora la protesta è contro la riorganizzazione di una delle piazze più importanti di Istanbul, centro nevralgico della Istanbul più europea. Ma, pochi giorni fa, c’era stata una dichiarazione molto dura di Erdogan contro il consumo di alcolici…

D. – Quindi quali sono le forze in gioco in questo confronto che, adesso, ha raggiunto le piazze?

R. – Da una parte, il governo e il suo grande seguito popolare che, nell’Anatolia profonda, permane ampio, e – dall’altra – un’opposizione in cui confluiscono il vecchio gruppo sociale fortemente ancorato al kemalismo e uno strato di Turchia laica che – a suo tempo – aveva criticato l’autoritarismo kemalista.

D. – E’ possibile che quanto sta accedendo ora abbia delle ripercussioni a livello elettorale? E’ ipotizzabile un arretramento del partito di Erdogan?

R. – Una piccola flessione del partito di Erdogan è possibile, una sostanziale modifica dei rapporti di forza non mi sembra molto probabile.

Ultimo aggiornamento: 3 giugno

Testo proveniente dalla pagina

 
http://it.radiovaticana.va/news/2013/06/02/nuove_proteste_antigovernative_in_turchia._oltre_mille_feriti,_170/it1-697801

del sito Radio Vaticana