Benvenuti nel sito della Chiesa Cattolica di Torino

Centro
Federico Peirone

Seguici su
Facebooktwitterrssyoutubeinstagram

TURCHIA – ( 23 Febbraio )

Facebooktwitterpinterestlinkedinmail
TURCHIA
Le minoranze religiose invitate a esprimersi sulla nuova costituzione
di NAT da Polis
E’ la prima volta. La Commissione che si occupa della riforma ha ascoltato il Patriarca ecumenico. Bartolomeo ha parlato delle sofferenze di chi, benché cittadino di questo Paese, ha subito discriminazioni e chiesto parità, anche nei finanziamenti finora concessi solo alla maggioranza musulmana.

Istanbul (AsiaNews) – Per la prima volta le minoranze religiose turche possono dare il loro contributo per la riforma della Costituzione. A più di  un anno dal referendum del 12 settembre  2010, voluto da Erdogan  per la riforma costituzionale e dopo la sua  riconferma alla guida della Turchia nelle elezioni del 12 giugno del 2011 sono ripresi i lavori per la nuova costituzione. Sarà la prima che verrà  fatta da forze politiche democraticamente elette e non imposta  dai militari.

Di conseguenza, importante e significativo il fatto che sono state convocate davanti alla commissione parlamentare che sta preparando la nuova carta fondamentale le minoranze che vivono su queste terre da tempi immemorabili. A esprimere, a porte chiuse, il loro punti di vista  sono state invitate le minoranze riconosciute tali dai trattati di Losanna del  1922  che sono quelle di cristiani ortodossi, armeni ed ebrei. Si tenga presente che i trattati di Losanna riconoscono entità religiose non etniche.

Il primo invitato, l’altro ieri, è stato il Patriarca ecumenico di Costantinopoli Bartolomeo, capo della minoranza cristiano ortodossa, che per secoli è stato il fulcro della cristianità su queste terre, ora ridotta per le persecuzioni subite a poche migliaia di persone.

Durante l’audizione Bartolomeo ha parlato come un cittadino della Repubblica turca il quale pensa, vive e lotta per i difendere i diritti dei suoi concittadino di qualsiasi estrazione religiosa ed etnica.

Ha parlato delle sofferenze e dei travagli di chi, benché cittadino di questo Paese, ha subito delle discriminazioni perché di origine diversa di quella turca. In questo senso, ha biasimato il sistema- regime che ha dominato gli affari politici turchi, ma non la Turchia come entità statale ed etnica. Ha aggiunto che non può più essere precluso l’accesso agli incarichi pubblici dei cittadini turchi delle minoranze.

Ha evidenziato come il sistema-regime ha usato il  trattato di Losanna, che doveva tutelare i diritti delle minoranze, contro le minoranze stesse. Ha chiesto che anche le minoranze godano dei finanziamenti di cui gode la maggioranza musulmana in Turchia

Alla fine del suo discorso ai membri della commissione – alla quale ha consegnato un memorandum di 18 pagine – Bartolomeo ha affermato che i cristiani non vogliono essere cittadini di seconda categoria e che occorre evitare il ripetersi delle ingiustizie che essi hanno subito in passato. “Usciamo da questo incontro – ha concluso – fiduciosi, pieni di speranze e sentimenti di gratitudine .Una  nuova Turchia sta nascendo”.

Positivi tutti i commenti degli ambienti politici e della stampa. Quello che ha più stupito, come si commentava negli ambienti diplomatici di Ankara, è  il positivo riscontro che ha avuto la relazione del Patriarca ecumenico anche tra gli ambienti di destra, notoriamente ostili verso il Fanar.

Il calendario delle audizioni della commissione prevede incontri con armeni ed ebrei e forse anche di tutte le altre minoranze non indicate nel trattato di Losanna, come quella dei cattolici.

Il testo completo si trova su:

http://www.asianews.it/notizie-it/Le-minoranze-religiose-invitate-a-esprimersi-sulla-nuova-costituzione-24051.html