Benvenuti nel sito della Chiesa Cattolica di Torino

Centro
Federico Peirone

Seguici su
Facebooktwitterrssyoutubeinstagram
6 Ottobre 2011

SOMALIA – (6 Ottobre)

"La Somalia ha bisogno di una leadership vera"
Facebooktwitterpinterestlinkedinmail
Parla il Vescovo di Gibuti ed Amministratore apostolico di Mogadiscio

ROMA, giovedì, 6 ottobre 2001 (ZENIT.org).- “Quanto fatto finora, non è sufficiente. La Somalia ha bisogno di una leadership vera, ma purtroppo mancano i presupposti”. Ad affermarlo è monsignor Giorgio Bertin, Vescovo di Gibuti ed Amministratore apostolico di Mogadiscio.

Attualmente i territori in mano ad al Shabaab – la milizia fondamentalista islamica che dal 2007 combatte per riprendersi il Paese – si estende dalla capitale Mogadiscio al profondo Sud (area arida nella quale vivono 2-3 milioni di persone) dove è, di fatto, impedito che gli aiuti arrivino per “punire” la resistenza di questa zona alla penetrazione del fondamentalismo islamico.

Nell’Udienza concessa mercoledì a monsignor Bertin e al Cardinale Robert Sarah, presidente di Cor Unum, Benedetto XVI ha invitato a non chiudere gli occhi sul “silenzioso genocidio” e “nel corso del breve colloquio – ha riferito monsignor Bertin ad ACS-Italia – ho ringraziato il Papa per il caloroso benvenuto e per averci definito i rappresentanti dell’impegno della Chiesa che occorre rinnovare”.

In Italia il Vescovo di Gibuti è stato raggiunto dalla notizia dell’esplosione di un camion bomba a Mogadiscio. L’attacco, nel quale sono morte 65 persone, è avvenuto martedì scorso ed è stato immediatamente rivendicato dal Gruppo armato islamista al-Shabab [La Gioventù]. “Sono addolorato, ma non stupito – ha detto monsignor Bertin – l’attentato è una dimostrazione della fragilità istituzionale del governo di transizione, nonché della tendenza di al-Shabab di colpire il suo popolo”.

Oltre agli impiegati statali, la bomba – fatta esplodere alle porte di un compound, nella zona K4 della capitale che è sede di diversi Ministeri – ha ucciso anche ragazzi e genitori radunati davanti ad una scuola.

Monsignor Bertin conosce bene la pericolosità di Mogadiscio: quattro anni fa, in seguito all’uccisione di suor Leonella, missionaria della Consolata, ha dovuto abbandonare il Paese e trasferirsi a Gibuti: “Senza un punto di appoggio sicuro è inutile rimanere. Anzi, in questo momento paradossalmente la mia presenza metterebbe a rischio i fedeli”. Il presule teme infatti che la comunità islamica locale possa interpretare il suo ritorno come un gesto provocatorio e vendicarsi sui pochi cattolici rimasti (appena un centinaio).

Il mese scorso è stata firmata la cosiddetta Road Map – un accordo sottoscritto dall’autorità di transizione somala, insieme alla regione autonoma del Puntland (nel nord-est) e alla milizia filo-governativa Ahlu Sunna wal Jamaa – e in questi giorni l’Unione africana ha annunciato che l’Amisom, il proprio contingente di peacekeeping in Somalia, prolungherà il suo impegno fino al 31 ottobre 2012.

“Il rinnovo della loro presenza è utile – ha dichiarato ad ACS monsignor Bertin – così come gli accordi Road Map, ma ho qualche dubbio sulla loro effettiva applicazione e sulla determinazione con cui saranno sostenuti dalla comunità internazionale. Inoltre è da vedere se il Governo di transizione riuscirà ad estendere la propria autorità dalla capitale al resto del Paese”.

L’obiettivo finale, senza il quale ogni intervento rimarrebbe puramente “velleitario”, è la messa in atto di un processo politico in grado di far rinascere lo Stato somalo, ma i presupposti mancano. Monsignor Bertin pensa alle centinaia di migliaia di somali in diaspora. “Dobbiamo compiere un importante sforzo per coagulare quelle forze vive e capaci che sono ancora disperse e disunite. È un lavoro lungo che richiederà del tempo, ma è assolutamente necessario”.

Il testo completo si trova su:

 
http://www.zenit.org/article-28235?l=italian