Benvenuti nel sito della Chiesa Cattolica di Torino

Centro
Federico Peirone

Seguici su
Facebooktwitterrssyoutubeinstagram

ASIA/PAKISTAN – (4 Ottobre)

Appello di Ong, leader cristiani e musulmani: "Se sarà liberato Qadri con il ‘prezzo del sangue’, tantopiù torni libera Asia Bibi"
Facebooktwitterpinterestlinkedinmail
Islamabad (Agenzia Fides) – Gruppi islamici stanno orchestrando la liberazione di Mumtaz Qadri, l’assassinio dell’ex governatore Salman Taseer (vedi Fides 1/10/2011; 3/10/2011). In tale frangente, Ong,Vescovi e leader islamici moderati rilanciano la richiesta di “salvezza e libertà per Asia Bibi”. I due casi sono legati a doppio filo: Mumtaz Qadri, reo-confesso, è stato condannato a morte tre giorni fa per l’assassinio dell’ex governatore del Punjab Salman Taseer; la cristiana Asia Bibi, madre di famiglia è stata condannata a morte per blasfemia nel novembre 2010 dal tribunale di Sheikhpura, in Punjab, e attualmente si trova in carcere. Il governare Taseer è stato ucciso proprio per aver sostenuto l’innocenza di Asia, si era speso per la sua liberazione e per l’abrogazione della “legge sulla blasfemia”. Oggi i gruppi radicali islamici che considerano Qadri un eroe, riuniti nella rete “Tahafuz-e-Namoos-e-Risalat” (Alleanza per difendere il nome del Profeta) stanno studiando il meccanismo legale per giungere alla sua liberazione. Come informano fonti di Fides in Pakistan, la via prescelta è quella del “diyat” (il cosiddetto “prezzo del sangue”), prevista dalla legge islamica, per cui l’omicida può risarcire la famiglia della vittima con una somma di denaro, ottenendo il “perdono” e dunque la libertà. E’ una pratica che solo i tribunali islamici possono avallare legalmente. La rete “Sunni Tehreek” ha già detto di aver raccolto 200 milioni di rupie da destinare alla famiglia di Taseer come “diyat”. La famiglia – seppur benestante – sarà costretta ad accettare, subendo un ricatto, perchè in ballo c’è anche la sorte di Shabhaz Taseer, figlio del governatore, che è ancora in mano a un gruppo di sequestratori. Accettando il “diyat” – spiegano fonti di Fides – il figlio verrebbe restituito alla famiglia. L’unico passaggio necessario è quello che il presidente del Pakistan passi la giurisdizione del caso Qadri dal tribunale civile antiterrorismo ad una Corte islamica. La formula del “diiyat” è stata applicata (e utilizzata come soluzione a una vicenda spinosa) nel caso di Raymond Davis, agente americano della Cia, incarcerato a fine gennaio per aver ucciso due uomini in Pakistan. Il tribunale di Lahore lo ha rimesso in libertà in cambio di un risarcimento alla famiglia, come previsto dal codice penale islamico. “Il piano degli estremisti è chiaro” nota a Fides Haroon Barkat Masih, leader della “Masihi Foundation”, che si occupa dell’assistenza legale e materiale di Asia Bibi. Oggi la Fondazione ha raccolto intorno a sé altre Ong come “Life for All” e “Breaking Bonds”, alcuni Vescovi, come S. Ecc. mons. Rufin Anthony, Vescovo cattolico di Islamabad, e Mons. Ijaz Inayat, Vescovo protestante di Karachi (della “Chiesa del Pakistan”), e anche alcuni leader e studiosi musulmani moderati, per lanciare un appello: “Chiediamo nuovamente, con forza, libertà e salvezza per Asia Bibi. La sua storia è legata a quella di Taseer. Se venisse liberato un omicida accertato come Qadri, tantopiù una innocente come Asia deve essere rimessa in libertà. Se il presidente del Pakistan concederà il cambio di giurisdizione, allora potrà anche concedere la grazia a una innocente e liberare immediatamente Asia Bibi, madre di famiglia che marcisce in carcere. Oppure adoperarsi per una immediata revisione del processo, che è stato del tutto falsato, e una revoca della condanna”. (PA) (Agenzia Fides 4/10/2011)

Il testo completo si trova su:

 
http://www.fides.org/aree/news/newsdet.php?idnews=37385&lan=ita