Benvenuti nel sito della Chiesa Cattolica di Torino

Centro
Federico Peirone

Seguici su
Facebooktwitterrssyoutubeinstagram

ASIA/SIRIA – ( 20 Luglio )

Facebooktwitterpinterestlinkedinmail

ASIA/SIRIA – L’Arcivescovo maronita di Damasco: “E’ un’apocalisse, aspettiamo la resurrezione”

 

Damasco (Agenzia Fides) – “Si vive un’apocalisse a Damasco, e si spera con tutto il cuore, la mente e le forze, che venga presto la resurrezione”: è quanto dice in un messaggio inviato all’Agenzia Fides Sua Ecc. Mons. Samir Nassar, Arcivescovo Maronita di Damasco. Nella drammatica testimonianza inviata a Fides, l’Arcivescovo racconta: “Da martedì i combattimenti infuriano a Damasco con armi pesanti, carri armati ed elicotteri, in una città affollata di civili. La distruzione è enorme. Che calvario! Gli scontri stanno avvenendo per le strade e si spostano da un quartiere all’altro. Non riesco a dormire per la paura e per il rumore delle bombe e degli spari. La temperatura è oltre i 40° e sovente ci sono interruzioni di corrente. Mancano approvvigionamenti in molti settori, e si inizia ad avvertire la penuria: siamo a corto di pane, verdure, gas per cucinare e combustibile per i forni. La popolazione è terrorizzata e non sa dove rifugiarsi. Le strade verso la Giordania, l’Iraq, verso Aleppo e la zona a Nord di Homs sono chiuse. Si vede un lungo serpentone di gente che fugge, sulla strada per il Libano: un esodo che avviene nel panico generale”. Rivolgendosi agli sfollati di Damasco, l’Arcivescovo dice: “Spero che troverete una casa, ricordando che in passato i siriani hanno accolto i rifugiati palestinesi, libanesi e iracheni”.
Mons. Nassar prosegue: “i pochi fedeli che hanno avuto il coraggio di venire alla Santa Messa hanno acceso molte candele presso la tomba dei Beati Martiri di Damasco. Si sono scambiati saluti e lacrime, nel timore di vedersi per l’ultima volta, prima di tornare a casa fra spari ed esplosioni”. Damasco era stata risparmiata dalla violenza che ha lacerato le altre città della Siria: “Ora è il nostro turno di soffrire e morire. Abbiamo appena costruito un rifugio, nel sottoscala, per scampare alle bombe e le cantine della parrocchia sono state ripulite. E’ un’apocalisse: speriamo che la resurrezione non tardi a venire, dopo tanta sofferenza”. (PA) (Agenzia Fides 20/7/2012)

Il testo completo si trova su:
http://www.fides.org/aree/news/newsdet.php?idnews=39560