Benvenuti nel sito della Chiesa Cattolica di Torino

Centro
Federico Peirone

Seguici su
Facebooktwitterrssyoutubeinstagram

EGITTO – (21 Novembre)

Egitto: oltre 40 vittime negli scontri tra manifestanti e forze dell'ordine
Facebooktwitterpinterestlinkedinmail
Terzo giorno di scontri in Egitto ed il bilancio delle vittime continua a salire: oltre 40, finora, i morti e centinaia i feriti. Epicentro delle proteste ancora una volta piazza Tahrir, al Cairo, dove la polizia sta affrontando i dimostranti che chiedono al potere militare di farsi da parte e consentire la transizione democratica nel Paese. Dimostrazioni si segnalano anche ad Alessandria e a Suez. Intanto, mentre l’Ue chiede calma e moderazione, è stato convocato un Consiglio dei Ministri straordinario: sul tavolo, decisioni urgenti per evitare che la situazione degeneri in guerra civile. Sulle motivazioni dello scontro, Giancarlo La Vella ha intervistato Enrico Casale, esperto di Africa della rivista dei Gesuiti “Popoli”, da poco rientrato dall’Egitto: RealAudio    MP3

R. – I ragazzi, che sono stati protagonisti della rivolta scoppiata in gennaio, temono che i miliari si impossessino di questa rivolta: per questo sono tornati in piazza. Questa volta, però, l’esercito non li ha sostenuti, ma li ha contrastati.

D. – Alla Comunità internazionale interessa che il processo democratico in Egitto vada avanti, ma i numerosi appelli che speranza hanno di essere accolti?

R. – Certamente le forze armate, che hanno avuto un ruolo importante nella rivolta, tendono a voler mantenere la loro posizione di privilegio, che – ricordiamolo – non riguarda solamente il puro settore della difesa: le forza armate hanno interessi in tutti i settori della vita economica e sociale del Paese. Di conseguenza, c’è il rischio che le forze armate boicottino il processo democratico… Molto dipenderà dal fatto che la Comunità internazionale riesca a fare pressioni sulla giunta militare e sul governo affinché si proceda il più velocemente possibile alle elezioni – il primo turno è previsto per la prossima domenica – e altrettanto celermente si proceda all’elezione di un presidente della Repubblica civile e non militare.

D. – Secondo alcuni osservatori, le Forze Armate si stanno muovendo per evitare il rischio fondamentalismo…

R. – Va tenuto presente che il Fronte islamico non è un blocco unico: esiste una parte minoritaria composta da persone fondamentaliste; poi esiste una maggioranza che è rappresentata dalle formazioni legate ai Fratelli musulmani, che sono molto più pragmatici, ma che non hanno intenzione di trasformare l’Egitto in un Iran… Quindi potrebbe esserci una svolta, come è stato in Tunisia: la vittoria di formazioni musulmane, ma è anche vero che potrebbe trattarsi di formazioni simili al partito di governo turco e quindi un partito di ispirazione islamica, ma che rispetti fondamentalmente i principi di uno Stato laico.

D. – Come stanno vivendo le comunità cristiane questa situazione?

R. – Le Comunità cristiane vivono questa situazione in modo diverso: i copti tendono a chiudersi all’interno della comunità e a diventare un nucleo impermeabile al dialogo con le formazioni musulmane; diverso è, invece, l’approccio dei cattolici che sono più aperti al dialogo, soprattutto con le fazioni più moderate e più aperte dell’Islam. Sono molte le forme di collaborazione per creare una comunità nazionale compatta, seppur nella diversità di fedi. (mg)


Il testo completo si trova su:

 
http://www.radiovaticana.org/it1/Articolo.asp?c=539645