Benvenuti nel sito della Chiesa Cattolica di Torino

Centro
Federico Peirone

Seguici su
Facebooktwitterrssyoutubeinstagram

LIBIA – ( 10 Ottobre )

Facebooktwitterpinterestlinkedinmail

Liberato il premier libico Ali Zeidan, rapito all’alba da un gruppo islamista



E’ stato liberato dopo 6 ore il premier libico Ali Zeidan, rapito stamani per mano di alcuni uomini armati che lo hanno prelevato all’alba dall’albergo in cui aveva stabilito la sua residenza. Il governo transitorio libico ha parlato di “atto criminale” e poco prima che arrivasse la notizia della liberazione, l’esecutivo aveva fatto sapere che respingeva “ogni tipo di ricatto”. Un sequestro lampo che ha messo in allarme tutte le cancellerie internazionali e che, di fatto, riaccende i riflettori su un Paese che vive ancora la difficile transizione del dopo Gheddafi, a rischio implosione a causa delle divisioni interne. Salvatore Sabatino ne ha parlato con Arturo Varvelli, ricercatore Ispi, esperto di Libia:RealAudioMP3

R. – Certamente questo rapimento va valutato nel quadro di caos ed anarchia, che sta vivendo in questi mesi la Libia. C’è chiaramente un peggioramento della situazione, che già era molto, ma molto difficile. Di fatto la Libia sta andando verso un fallimento. Soprattutto bisogna dire che il rapimento del primo ministro viene dopo due eventi importanti: ieri, la dichiarazione proprio di Zeidan sulla necessità di un intervento esterno contro le milizie, che lo minacciavano e che minacciavano la stabilità del Paese e, naturalmente, viene dopo l’evento della cattura del terrorista libico Abu Anas al Libi, in passato vicino ad al Qaeda. E’,quindi, una sorta di risposta delle milizie a questi due eventi.

D. – Proprio per quanto riguarda questo arresto, Zeidan aveva detto di non essere stato informato da Washington di questo raid, che ci sarebbe stato in territorio libico. E’ possibile che la Casa Bianca non lo consideri più la persona giusta?

R. – No, io non penso che non lo consideri più la persona giusta. Io penso piuttosto che ci sia poco da fare nell’ottica americana. Il Paese sta andando fortemente allo sbando. Gli americani non capiscono realmente il Paese, tanto che a giugno di quest’anno hanno chiesto una sorta di aiuto, di endorsement sulla questione libica da parte dell’Italia, del governo Letta, allo scorso G8. Quindi una scarsissima comprensione delle dinamiche ha fatto sì che ci fosse questa azione non ponderata completamente, da parte degli americani, nelle sue conseguenze. Tutto sommato, anche la dichiarazione del segretario di Stato, Kerry, che ha detto che Zeidan sapeva, lo ha enormemente esposto ad una minaccia interna, come abbiamo visto. Il fatto l’ha ulteriormente screditato, in una situazione già molto difficile dal punto di vista della legittimità. Bisogna sapere che ci sono due legittimità in Libia, che si sono formate: una è il processo democratico che ha portato al Parlamento e poi al governo e l’altra è invece la legittimità di avere partecipato alla battaglia e alla lotta contro Gheddafi. I miliziani si sentono legittimati da questa lotta a governare al di là di ogni forma democratica e di Stato civile.

D. – Al di là di tutto, però, Zeidan viene considerato da molti un leader debole, incapace di gestire una situazione, come diceva lei, molto complessa, fatta di potenti signori della guerra, di commercio di armi. E’ davvero una figura così debole?

R. – E’ certamente una figura di rispetto, perché è una persona per bene, è una persona dal profilo democratico, che però non ha grande presa. Il problema, penso, però, che non sia quello di una leadership, di trovare una leadership più forte – in una condizione simile a quella libica nessuna leadership sarebbe forte – se prima non esiste un processo di riconciliazione nazionale, che coinvolga tutti gli attori sociali e politici del Paese. Allora chiunque governerà si troverà in una situazione di debolezza. Insomma, dall’anarchia si esce con un processo molto lento e faticoso, non certamente con l’introduzione di un nuovo leader da parte di qualche fazione, da parte di qualche governo estero o di una sola parte politica.

D. – Mi pare di capire che a questo punto se non interviene comunque una mano esterna per ristabilire l’ordine, la Libia rischia di passare per una sofferta guerra civile, tipo quella siriana…

R. – E’ difficile capire se ci sono le possibilità di nuove escalation su vasta scala militare. Quello che succede è che è un Paese totalmente ingovernabile, dove le milizie la fanno da padrone e dove il monopolio dell’uso della forza da parte dell’autorità centrale è molto lento. Quindi tenere insieme il Paese è molto difficile. Più che una escalation di guerra, io vedrei elementi del Paese che si autogovernano, che è quello che già sta succedendo di fatto, con città che si autogovernano – come Misurata – gruppi di miliziani che si autogovernano e spadroneggiano nel Paese, sul territorio, mettendosi in accordo o in confronto con altre parti del Paese, a seconda delle circostanze.

Testo proveniente dalla pagina

 
http://it.radiovaticana.va/news/2013/10/10/liberato_il_premier_libico_ali_zeidan,_rapito_allalba_da_un_gruppo/it1-735985

del sito Radio Vaticana