Benvenuti nel sito della Chiesa Cattolica di Torino

Centro
Federico Peirone

Seguici su
Facebooktwitterrssyoutubeinstagram
26 Giugno 2012

NIGERIA – ( 25 Giugno )

Facebooktwitterpinterestlinkedinmail
Nigeria: banchi vuoti nella chiesa di Damaturu dopo gli attentati di Boko Haram



“Tre su quattro sono andati via” dice all’agenzia Misna padre James John, raccontando della messa domenicale nella “chiesa piccola” con “tanti banchi vuoti”. Damaturu, diocesi di Maiduguri, nord-est della Nigeria: molti igbo, originari del sud petrolifero e cristiano, sono andati via per paura degli attentati di Boko Haram. Per avere un’idea delle sofferenze di questa piccola comunità, minoritaria ma essenziale nel tessuto sociale della diocesi, basta affacciarsi nella chiesa di Santa Maria. Non l’edificio vecchio, dove fino a novembre ogni domenica si celebravano due messe, ma quello piccolo che gli sta accanto. È qui che i fedeli rimasti si incontrano per condividere le ansie e rinnovare la fede. “Domenica – sottolinea padre James – eravamo davvero in pochi: per il gasolio del generatore e le altre spese necessarie alla comunità abbiamo raccolto solo 6000 naira e non i 30.000 che tempo fa erano la normalità”. La domenica non si celebrano più due messe ma solo una e con tanta paura. “Negli ultimi mesi – spiega padre James – sono partite circa i tre quarti delle famiglie igbo, l’etnia di gran lunga maggioritaria se si considera la comunità cristiana”. A spingerle a partire sono gli agguati rivendicati sempre più di frequente da Boko Haram, un gruppo che sostiene di battersi per l’applicazione della legge islamica in tutta la Nigeria. L’emergenza è cominciata nel 2009 nella città di Maiduguru, a est di Damaturu, quando anche a causa della repressione dell’esercito si contarono 900 vittime. Padre James ricorda bene quei fatti, perché è nato e cresciuto in questa diocesi. Dice che se il governo nigeriano non si deciderà a intervenire “crollerà tutto”. Poche ore prima che ieri nella chiesa piccola di Santa Maria cominciasse la messa l’assalto di un commando di Boko Haram alla prigione della città ha consentito la fuga di una quarantina di detenuti. Il parroco sospira. Non ha bisogno di leggere l’articolo pubblicato dal quotidiano This Day in prima pagina: “Ieri a causa delle minacce di nuovi attentati molti cristiani non si sono recati in chiesa nelle regioni settentrionali del paese, in particolare a Kaduna, Kano e Jos”. (R.P.)

Il testo completo si trova su:

http://www.radiovaticana.org/it1/articolo.asp?c=599604