Benvenuti nel sito della Chiesa Cattolica di Torino

Centro
Federico Peirone

Seguici su
Facebooktwitterrssyoutubeinstagram

PAKISTAN – (21 Novembre)

Faisalabad: accusata di blasfemia, libera con l'aiuto di cristiani e musulmani di Shafique S. Khokhar
Facebooktwitterpinterestlinkedinmail
Sacerdote cattolico esprime riconoscenza alla comunità musulmana, che ha svolto “indagini approfondite” prima di emettere la condanna. E auspica che “la cultura della pace e dell’armonia religiosa” possa sempre prevalere. Protagonista della vicenda una donna cristiana, incriminata in base alla legge nera nel corso di una controversia legale.

Faisalabad (AsiaNews) – I cristiani ringraziano “riconoscenti” la comunità musulmana, perché ha svolto “indagini approfondite” prima di condannare una persona per blasfemia – reato punito con la morte o l’ergastolo in Pakistan – e ha impedito il ripetersi di “scontri su una questione molto delicata”. P. Naveed Arif, sacerdote della chiesa del Santo Rosario a Faisalabad, non nasconde ad AsiaNews la propria soddisfazione per l’esito della vicenda, che definisce “un esempio di armonia interconfessionale” con l’islam.

Nelle scorse settimane, infatti, una donna cristiana è stata prosciolta dall’accusa di aver diffamato il nome del profeta Maometto ed è uscita di galera dietro pagamento di una cauzione. “Auspico che la cultura della pace e dell’armonia religiosa – aggiunge il sacerdote – possa prevalere in ogni controversia che si verifica in qualsiasi zona del Pakistan, perché il cristianesimo ci insegna pace e concordia, non intolleranza e violenza”.

La vicenda ha per protagonista Agnes Bibi (nella foto), 50 anni, originaria di Abin-e-Mariam Colony, a Faisalabad. Coinvolta in una disputa su di una proprietà contesa – pare fra cristiani e musulmani – la donna per delegittimare una parte ha finito con l’essere accusata di blasfemia. Il 16 febbraio 2011 la viene aperto un fascicolo di inchiesta a suo carico e il 19 febbraio finisce in prigione, al termine di un interrogatorio davanti al magistrato.

Il 5 marzo parte una indagine più approfondita sul caso, che dopo mesi di ricerche e interrogazioni di testimoni si conclude con una modifica dell’ipotesi di reato: da blasfemia a “istigazione all’odio interconfessionale”, in base all’articolo 153-A del Codice penale pakistano.

Agnes Bibi racconta ad AsiaNews di aver pregato molto in prigione per il suo rilascio ed è felice della libertà su cauzione concessa dal giudice. Bashir Masih, 52enne marito della donna, spiega di aver chiesto un prestito per pagare la somma stabilita dal giudice e permettere alla moglie di tornare a casa. “Mia moglie è molto malata – aggiunge – e devo racimolare una somma di denaro per pagare le cure”.

Il testo completo si trova su:

 
http://www.asianews.it/notizie-it/Faisalabad:-accusata-di-blasfemia,-libera-con-l’aiuto-di-cristiani-e-musulmani-23228.html