Benvenuti nel sito della Chiesa Cattolica di Torino

Centro
Federico Peirone

Seguici su
Facebooktwitterrssyoutubeinstagram

SIRIA – (21 Dicembre)

Siria: 250 morti in due giorni. Parigi: massacro senza precedenti
Facebooktwitterpinterestlinkedinmail
Una riunione d’emergenza del Consiglio di Sicurezza dell’Onu si deve tenere “per discutere dei massacri in corso nelle regioni siriane di Idlib e Homs”: è l’appello lanciato stamani dal Consiglio nazionale siriano (Cns), che chiede che tali regioni siano dichiarate “zone sicure sotto protezione internazionale” e dalle quali “si devono ritirare le forze del regime” di Damasco. Il servizio di Fausta Speranza:RealAudio  MP3

L’opposizione si rivolge all’Onu e la Francia lancia un forte appello alla Russia affinché ”acceleri” i negoziati al Consiglio di Sicurezza dell’Onu sul suo progetto di risoluzione nei confronti del regime di Bashar al-Assad. Parigi interviene dopo quello che definisce il ”massacro senza precedenti” di ieri in Siria, con la morte di circa 120 persone. Guardando poi alle ultime 48 ore, il bilancio sale a 250. L’aggiornamento sulle vittime arriva mentre da Damasco giunge notizia di una manifestazione in corso a in favore del regime. L’emergenza è soprattutto fuori della capitale. In particolare, il Consiglio invoca l’intervento immediato della Mezzaluna Rossa e di altre organizzazioni umanitarie nelle regioni di Idlib e Homs definite “zone disastrate” ed “esposte a un genocidio su larga scala”. Il tutto alla vigilia dell’annunciato arrivo degli osservatori della Lega araba nel Paese. In sostanza, significa che si dà il via al primo passo del piano della Lega araba, che dovrebbe portare a un’uscita di scena del presidente. Ma, dopo la firma dell’accordo, anche solo per ammettere senza troppi condizionamenti gli osservatori ci sono voluti giorni e giorni di ulteriori negoziati.


Il testo completo si trova su:

 
http://www.radiovaticana.org/it1/print_page.asp?c=548362