Benvenuti nel sito della Chiesa Cattolica di Torino

Centro
Federico Peirone

Seguici su
Facebooktwitterrssyoutubeinstagram

EGITTO – (13 Luglio)

Esercito ed economia, nuovi nemici della primavera egiziana
Facebooktwitterpinterestlinkedinmail
La popolazione è delusa dall’esercito. Ancora nessun processo per i funzionari responsabili degli oltre 900 uccisi nelle manifestazioni di piazza Tahrir. Le continue proteste dei giovani per un nuovo Egitto, unica speranza per il futuro del Paese in preda alla crisi economica.

Il Cairo (AsiaNews) – A circa sei mesi dalla caduta di Mubarak gli egiziani sono frustrati dal comportamento dell’esercito che si rifiuta di processare gli uomini dell’ex regime responsabili della morte di oltre 900 persone uccise negli scontri di Piazza Tahrir. Secondo fonti di AsiaNews, la grande protesta organizzata l’8 luglio scorso al Cairo, Alessandria e Suez è un segno che gli ideali nati con la rivoluzione dei gelsomini sono ancora vivi. “La popolazione – spiegano le fonti – vuole giustizia ed è stanca delle menzogne del governo”.

Nei giorni scorsi Essam Sharaf, Primo ministro egiziano, ha chiesto la sospensione di tutte le accuse contro gli ufficiali di polizia coinvolti negli scontri con i manifestanti di piazza Tahrir, minacciando di fermare anche con la forza qualsiasi protesta. Nonostante gli avvertimenti, oltre 50mila persone sono scese in piazza in questi giorni, protestando in modo pacifico e senza scontri con le forze dell’ordine.

Le fonti affermano che con questa mossa il Consiglio supremo delle forze armate ha perso ogni credibilità di fronte alla popolazione, che considera Mohammed Hoseyn Tantawi, capo dell’esercito e il suo Primo ministro troppo legati agli ex del regime. “La gente – continua la fonte – protesta per il lassismo del governo e dell’esercito, che subiscono le pressioni di coloro che vogliono salire al potere. I giovani di piazza Tahrir temono soprattutto il doppio gioco dei Fratelli musulmani, che sbandierano il loro sostegno alla costruzione di uno Stato laico solo per entrare nel futuro governo”.

Ad aumentare l’ira degli egiziani vi è la crisi economica dovuta all’instabilità politica del Paese. In un pochi mesi il salario medio si è ridotto di oltre 20%, ma in alcuni settori ha toccato punte dell’80%. “Il turismo – raccontano le fonti – si è ormai dimezzato e le società straniere stanno cancellando i loro investimenti. Inoltre gli Stati Uniti e gli altri Stati occidentali guardano solo ai loro interessi economici e non sostengono la rivoluzione”.

“Tuttavia – continuano le fonti – sorprende come in questo clima gli egiziani, soprattutto i giovani, stiano combattendo ogni giorno per dare un nuovo volto all’Egitto. Ciò è un segno di speranza per il futuro del Paese”. (S.C.)

Il testo completo si trova su:

 
http://www.asianews.it/notizie-it/Esercito-ed-economia,-nuovi-nemici-della-primavera-egiziana-22089.html